In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Impianto fotovoltaico per il pompaggio dell’acqua

  • Progetto: Impianto fotovoltaico
  • Ente beneficiario: Associazione "Amici di Angal"

 

Vecchia pompa meccanica a stantuffo, collegata ad un motore diesel “lister” del 1986.

Vecchia pompa meccanica.

Pannelli solari installati sulla struttura in acciaio.

Impianto a pannelli solari.

Angal (Uganda).
L’approvvigionamento idrico dell’ospedale St. Luke di Angal è sempre stato assicurato con difficoltà da 2 pozzi, profondi 50 e 70 metri, nei quali erano attive 2 pompe: una elettrica (che funzionava 3-4 ore al giorno quando il generatore a gasolio produceva elettricità per tutti i bisogni dell’ospedale); ed una meccanica, a stantuffo, collegata ad un motore diesel “lister” del 1986. Questo motore è stato riparato decine di volte, ma l’avvento di un terremoto nell’autunno del 2004 ha causato gravi problemi di reperimento di acqua, portando al collasso definitivo tale pompa meccanica.

E’ proprio qui che Enerpoint è intervenuta, proponendo il dimensionamento e soprattutto l’invio dei materiali necessari per la realizzazione di un impianto sostitutivo a pannelli solari fotovoltaici.

Il progetto di beneficenza prevedeva:
. l’installazione di un impianto fotovoltaico su di un telaio collocato tra due edifici esistenti in modo da poterli mettere al riparo da furti e danneggiamenti;
. la collocazione dell’inverter all’interno di un’apposita cabina costruita ad hoc;
. l’acquisto di un motore adeguato alle esigenze del villaggio;
. la realizzazione di un sistema di cavi sotterranei (a 20 cm dal piano di campagna) per portare l’energia dei generatori.

L’operazione si è conclusa positivamente: eccone i risultati!!!

Grazie all’installazione di nuovi strumenti offerti da Enerpoint, sono stati ultimati i lavori relativi alla realizzazione dell’impianto fotovoltaico per il pompaggio dell’acqua.  Ora presso l’ospedale di Angal, è infatti in funzione il sistema idrico azionato da energia rinnovabile per una efficace ed ecologica estrazione dell’acqua.
A causa di vari problemi insorti durante la realizzazione e delle severe condizioni climatiche incontrate (siccità prolungata), i lavori si sono protratti per parecchio tempo rispetto a quanto preventivato, ma tutto è andato a buon fine.

I RISULTATI raggiunti dal pozzo solare sono i seguenti:

. nelle giornate praticamente prive di sole si ottengono circa 3.000 l/d (3.000 litri al giorno)
. nelle giornate di sole modesto si ottengono da 5.000 a 8.000 l/d
• nelle giornate di sole buono si ottengono da 12.000 a 14.000 l/d (come da calcolo)
. nelle giornate di sole continuo ed eccezionale si sono raggiunti i 18.000 l/d

Possiamo quindi affermare che quello che era il pozzo di supporto è ora in grado di dare tutta l’acqua del consumo giornaliero limitando la necessità di attivare quello principale che, di conseguenza, attualmente svolge il ruolo di supporto per le sole emergenze.
Esso infatti ora è utilizzato solo nei casi di siccità prolungata, o di guasti, o di abnorme consumo di acqua necessario in alcuni momenti di emergenza sanitaria.


I BENEFICI che conseguono sono:

. notevole economia di esercizio
. assenza del consumo di materiali energetici non rinnovabili
. eliminazione dell’inquinamento da combustione di idrocarburi.

Anche se quanto apportato copre una piccola parte dei problemi che incombono su quella terra, siamo fiduciosi nel continuare la nostra collaborazione con l’organizzazione “Amici di Angal”. 

L'impianto fotovoltaico per il pompaggio dell'acqua dell'Ospedale di Angal è un esempio concreto di quanto le rinnovabili possano fare in queste aree del mondo. 

Enerpoint si farà carico anno per anno di nuove azioni benefiche e di interessanti progetti in grado di migliorare anche la struttura ospedaliera in cui sono costretti ad operare i nostri cari amici.