In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Enerpoint per l'Africa

Da anni Enerpoint si impegna nel sostenere e seguire vari progetti di beneficenza nel mondo.

Enerpoint per l'Africa: progetti di beneficenza a favore delle popolazioni africane.


Enerpoint ha una forte connotazione etica, che si esprime nella scelta di promuovere l'energia solare e nella volontà di finanziare progetti di sviluppo sostenibile in aree sottosviluppate.

I soci Enerpoint, a partire dal 2005, hanno infatti deciso di destinare annualmente una parte degli utili per sostenere iniziative di solidarietà ed aiuto soprattutto per tre associazioni attive in Africa:

. "Amici di Angal"
. "Comboniani"
. "Semi di Rosa"
 
Il sole è una ricchezza immensa e l’Africa è il regno del sole!

Di seguito i PROGETTI Enerpoint già realizzati e quelli in corso:

 

Fotovoltaico per Todomé

Scopo del progetto era quello di avviare un processo di sviluppo per assicurare agli abitanti di Todomé, piccolo paesino di 2.900 abitanti della provincia di Wawa sugli altipiani del Togo (Africa Centrale), l’autosufficienza alimentare, culturale e socio-sanitaia.

Nuova parrocchia in Sudan

La realizzazione di una nuova parrocchia è tra i nuovi obiettivi di Padre Salvatore, da anni impegnato ad aiutare la popolazione sudanese con azioni mirate a migliorare le condizioni delle famiglie e a sviluppare le attività giovanili.

Fotovoltaico per Balidhabene

Enerpoint ha donato il materiale, un team di volontari italiani collaboratori di Enerpoint ha fornito la manodopera per la realizzazione di due impianti fotovoltaici di grandi dimensioni a servizio della scuola per le ragazze povere di Balidhabene, Uganda.

Ricovero dei bambini

Obiettivo del progetto è di permettere la degenza e la cura dei bambini, anche per lunghi periodi di tempo, chiedendo loro solo 1 euro simbolico.

Centri educativi in Sudan

Nuovi centri educativi e la ripresa di quelli esistenti rappresentano l'obiettivo di padre Salvatore, padre comboniano da anni impegnato nelle missioni comboniane in Africa.

Sostegno scolastico a distanza

Potenziamento e professionalizzazione del sostegno scolastico a distanza per garantire un'istruzione e un pasto al giorno ai bambini e ragazzi delle Missioni attive in Camerun, India e Brasile.

Casette per personale medico

Offrire un’abitazione dignitosa al personale dell’ospedale di Angal è quanto proposto da questo progetto per evitare la fuga delle infermiere verso la città. Vivere in questa nuova piccola comunità permetterà inoltre di avere personale sempre reperibile.

Orfani da AIDS

Il crescente numero di orfani ha portato l'Associazione Amici di Angal ad aprire quest'altro progetto. Il denaro raccolto viene distribuito a famiglie del villaggio che accolgono e si prendono cura di loro. Ad oggi sono oltre 200 i bambini soccorsi.

Sacchetti nutrizionali

Altra piaga dei Paesi africani è la fame: la donazione dei pasti giornalieri ad alto contenuto proteico, i cosiddetti “Plumpy nut”, ha permesso di salvare numerose vite, soprattutto tra i più piccoli.

Impianto fotovoltaico

Il problema dell’acqua si ripropone ogni giorno nell'ospedale di Angal. Grazie alla realizzazione dell’impianto a pannelli fotovoltaici e della nuova pompa, l’ospedale può disporre sempre di acqua potabile.

Adozioni a distanza

Studiare e applicare quanto appreso per aiutare la popolazione in difficoltà. Con l’adozione abbiamo voluto sostenere gli studi superiori di Norbert e Oscar, due ragazzi ugandesi, rispettivamente futuro elettricista e futuro infermiere.

Cisterna per l’acqua piovana

Il reperimento di acqua rappresenta senza dubbio una delle maggiori difficoltà delle popolazioni africane. La spedizione della cisterna ha permesso all’asilo del piccolo villaggio di superare anche questa difficoltà.

Jeep ambulanza

Grazie alla nuova jeep ambulanza, gli abitanti del villaggio di Kanawatt hanno ripristinato i collegamenti con il lontano ospedale.