In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

La nostra storia dal 2001 ad oggi


Enerpoint nasce nel 2001. Ripercorriamo insieme questi anni intensi e appassionanti...


  • 2012: apertura filiale in Belgio e UK, presenza anche in Portogallo. Distribuiti oltre 320 MW di pannelli solari FV e realizzati oltre 22.000 impianti. La divisione EPC ha permesso la realizzazione di 65 MW di grandi impianti FV.
  • 2011: 260 MW di moduli fotovoltaici distribuiti, circa 20.000 impianti fotovoltaici realizzati grazie agli Installatori Enerpoint e oltre 40 MW di grandi sistemi fotovoltaici progettati e realizzati, numeri che confermano Enerpoint come uno dei principali distributori europei.
  • 2010: Raggiunti i 185 MW di moduli fotovoltaici distribuiti e gli oltre 15000 impianti realizzati grazie alla rete di installatori Enerpoint. Apertura della nuova divisione EPC e grandi impianti. Avviata la partnership con SANYO, Suntech, Samsung, SMA e SolarMax.
  • 2009: apertura della divisione tedesca Enerpoint GmbH, con sede a Quedlimburg. Avviata la partnership con REC e con Trina Solar.
  • 2008: Ingresso del nuovo socio EQUITER (ex FIN.OPI) di Intesa Sanpaolo e aumento del Capitale Sociale.
  • 2007: esce il nuovo Conto Energia.
    Enerpoint si affaccia ad altri mercati europei (spagnolo e tedesco) e diventa Società per Azioni aumentando così anche il proprio Capitale Sociale. Nasce Enerpoint Energy S.r.l., si consolida la partnership con Leader Energia S.r.l e viene siglata la partnership con la tedesca SCHOTT Solar.
  • 2006: il Governo effettua la revisione del Conto Energia e la sua parziale modifica.
    Enerpoint lavora in oltre 100 cantieri in tutta Italia assistendo la clientela passo dopo passo. Alla storica SHARP, si affiancano anche KANEKA, ADVENT SOLAR, TRINA SOLAR e XGROUP. Per gli inverter a FRONIUS si aggiunge anche POWER ONE.
    Trasloco di Enerpoint da Muggiò alla nuova sede di Desio.
  • 2005: parte il Conto Energia, il nuovo sistema d’incentivazione che scatena una vera e propria corsa all’incentivo. Enerpoint è in prima linea nella presentazione delle domande.
  • 2004: a giugno Enerpoint avvia l’innovativo progetto “Passa al Solare” con OBI Italia, al primo posto in Europa nel settore GDS (Grande Distribuzione Specializzata).
  • 2003: Enerpoint partecipa alle prime fiere di settore e si ufficializza la partnership con Sharp che sceglie Enerpoint come distributore nazionale.
  • 2001 - 2002: nasce Enerpoint nel 2001 e, nello stesso anno, parte il “Programma Nazionale 10.000 Tetti Fotovoltaici”.

2001 - 2002: fotovoltaico agli esordi

Il fotovoltaico muove i suoi primi passi nel 2001 grazie al Programma Nazionale 10.000 tetti fotovoltaici.

Enerpoint nasce nel 2001 grazie all’iniziativa imprenditoriale del suo fondatore, Paolo Maria Rocco Viscontini, ingegnere elettrico con grande esperienza nel settore dell’energia solare, convinto delle grandi potenzialità del fotovoltaico in Italia e nel mondo.

Proprio nel 2001 il mercato fotovoltaico mostra i primi segnali di vitalità grazie al “Programma Nazionale 10.000 Tetti Fotovoltaici”, ed Enerpoint struttura il proprio ufficio tecnico-commerciale per assistere i tanti privati che decidono di realizzare un impianto fotovoltaico per la propria abitazione.

I primi cantieri completati con successo, nonostante le innumerevoli difficoltà burocratico-amministrative, sono motivo di orgoglio e spronano lo staff Enerpoint a continuare con determinazione su questa strada. Un punto critico in questa fase è certamente la mancanza di una rete di operatori formati e competenti, necessità irrinunciabile per uno sviluppo del settore in tutto il territorio nazionale. Per questa ragione Enerpoint decide di proporre corsi di formazione base e specialistici per contribuire a divulgare e a innalzare il livello di competenza nel settore dell’energia solare.

Sono momenti formativi che riscuotono da subito grande successo e permettono a Enerpoint di qualificarsi come punto di riferimento per chi guarda al fotovoltaico con fiducia ed entusiasmo.

2003: il connubio Enerpoint-Sharp

Enerpoint è distributore Sharp dal 2003.

In quest’anno Enerpoint partecipa alle prime fiere di settore, Solarexpo in primis, attraendo appassionati e curiosi. Il fotovoltaico è agli esordi così come le mostre-convegno del settore, ben lontane dalle decine di migliaia di visitatori a cui siamo abituati oggi!

Il 2003 è per Enerpoint un anno fondamentale grazie all’ufficializzazione della partnership con Sharp, che leader al mondo nella produzione di pannelli fotovoltaici, punta su Enerpoint per entrare nel mercato fotovoltaico italiano

Sharp sceglie Enerpoint come distributore nazionale in virtù della professionalità dimostrata in questi primi anni di attività e dei notevoli risultati conseguiti.

2004: aspettando il Conto Energia!

Tra il 2004 e il 2005 il Conto Energia inizia a suscitare grandi attese per un vero sviluppo del fotovoltaico in Italia.

Il 2004 e il 2005 sono anni di transizione, anni in cui il fotovoltaico rimane in balia di incertezze e confusione. I costi della tecnologia solare, ancora elevati, costituiscono una barriera apparentemente insormontabile. Solo un sistema di incentivi statali, in virtù dei vantaggi ambientali e sociali che l’energia solare garantisce, può consentire al settore di decollare e raggiungere le necessarie economie di scala.

I fondi per sostenere questa fonte di energia pulita ci sono: si tratta della componente A3 della bolletta energetica versata dagli italiani dal 1990 per finanziari progetti di energia rinnovabile. Il Programma Nazionale 10.000 Tetti Fotovoltaici e i collegati bandi regionali sono delle boccate di ossigeno fondamentali per un mercato solare ancora ai suoi primi passi, ma il sistema degli incentivi a fondo perduto mostra col tempo tutti i suoi limiti.

Discontinuità, incertezza degli incentivi, differenze da regione a regione (autorizzazioni, procedure, enti di riferimento, ecc,) non permettono al mercato del fotovoltaico di correre su un rettilineo e tagliare i primi significativi traguardi. Le aziende del settore come Enerpoint resistono con grande lungimiranza e determinazione, ma la strada è ancora lunga.

Si inizia a parlare di un nuovo sistema incentivante in grado di remunerare l’energia prodotta da fotovoltaico. L’era dei contributi a fondo perduto sembra ormai al tramonto e si intravede un meccanismo capace di introdurre un circuito virtuoso. Gli addetti ai lavori iniziano a parlare con entusiasmo di “Conto Energia”, sistema incentivante che soprattutto in Germania ha consentito di lanciare con vigore il mercato del fotovoltaico.

Il recepimento, seppure in ritardo, della Direttiva Europea 2001/77/CE grazie al Decreto Legislativo n. 387 del 29.12.2003, alimenta grandi speranze e aspettative. Ma ci vorranno altri 19 mesi di attesa prima di arrivare al Conto Energia. In questo contesto Enerpoint è in prima linea nelle discussioni con i Ministeri, grazie alla fattiva collaborazione con il GIFI (Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane), l’Associazione di riferimento del settore, di cui Enerpoint fa parte.

Nel giugno 2004 Enerpoint avvia l’innovativo progetto “Passa al Solare” con OBI Italia, al primo posto in Europa nel settore GDS (Grande Distribuzione Specializzata) come bricolage e giardinaggio. Si tratta di momento di contatto importante per avvicinare il grande pubblico a soluzioni che coniugano risparmio energetico e rispetto dell’ambiente.

 

2005: la svolta!

Il Conto Energia rappresenta nella storia del fotovoltaico e di Enerpoint una vera e propria svolta.

Finalmente, dopo mesi di lunghe attese e trattative, il nuovo sistema di incentivazione viene varato grazie a due provvedimenti: il Decreto Ministeriale del 28.07.05 e la successiva Delibera attuativa (Delibera AEEG n_188.05 del 14 settembre 2005).

Il Conto Energia scatena una vera e propria corsa all’incentivo. Enerpoint è in prima linea nella presentazione delle domande e sono giornate al cardiopalma per tutti noi del settore. L’allora GRTN, (oggi GSE) Gestore dei Servizi Elettrici registra un vero e proprio boom di domande: per i piccoli impianti - fino a 50 kWp - 61,9 MWp di richieste superano in pochi giorni il traguardo di 60 MWp fissato dal decreto; per i grandi impianti - oltre i 50 kWp – si arriva molto vicino alla soglia dei 40 MWp fissati dal Decreto.

E’ evidente che il mercato fotovoltaico è pronto a partire e non può sopportare limiti eccessivamente bassi. Nei mesi seguenti si registra un parziale stallo: alle tante richieste segue un numero molto più contenuto di effettive realizzazioni per una serie di difficoltà operative e procedurali. Tutto questo non spaventa Enerpoint che, al contrario, con una scelta strategica e di lungo termine decide di sospendere le attività nel solare termico (mantenendo la sola vendita di kit a circolazione naturale tramite i punti vendita OBI) per focalizzarsi sul settore fotovoltaco e cogliere la sfida a piene mani.

Pur felice di questo primo sussulto del mercato fotovoltaico, Enerpoint si muove con testardaggine e determinazione cercando di segnalare i limiti del sistema varato per superarli quanto prima. Paletti incomprensibili continuano infatti a tenere il mercato imbrigliato. Si mobilita anche Beppe Grillo con il suo blog per segnalare i limiti del vecchio conto Energia, invitando il Governo a semplificare il provvedimento e innalzare il tetto di incentivazione.

2006: fare sul serio!

Conto Energia: il nuovo Decreto

Nonostante le tante difficoltà e i limiti del vecchio Conto Energia, Enerpoint, forte del suo nome e della sua esperienza, lavora in oltre 100 cantieri in tutta Italia assistendo la clientela passo dopo passo.

Nei primi mesi del 2006 arriva un primo segnale incoraggiante: la revisione del Conto Energia per effetto del nuovo Decreto Ministeriale del 06.02.06. Tra le novità salienti ricordiamo l’innalzamento dell’obiettivo generale a 500 MWp, anche se rimane il vincolo della presentazione delle domande di incentivazione e soprattutto un limite annuale di 85 MWp/anno incentivabili.

Intanto Enerpoint, in vista di una crescente domanda di moduli fotovoltaici a livello nazionale ed internazionale, punta a diversificare la sua offerta, selezionando i migliori prodotti sul mercato. Alla storica SHARP, si affiancano marchi di livello come KANEKA  e la neonata ADVENT SOLAR.
Nei mesi successivi sarà la volta di TRINA SOLAR e di XGROUP, nuova azienda italiana costruttrice di celle e moduli fotovoltaici.  

In questo modo la gamma di moduli offerti da Enerpoint annovera tutte le principali tecnologie: moduli fotovoltaici al silicio monocristallino, al silicio policristallino e film sottile. Anche sul fronte inverter, alla storica Fronius si affianca Power-One.

La selezione di componenti di qualità è sempre per Enerpoint una priorità per poter venire incontro alle crescenti richieste del mercato. Il fotovoltaico cresce e anche Enerpoint si dimensiona di conseguenza. L’ufficio Enerpoint si sposta da degli appartamenti di Muggiò a una nuova sede a Desio, con uffici e magazzino per un totale di 1400 mq. I vari team (tecnico, commerciale, marketing, amministrativo, logistica) si articolano e si strutturano per garantire un servizio efficiente a fronte di una crescita esponenziale del mercato. Arriviamo a 28 dipendenti e ulteriori arrivi sono previsti nei mesi successivi.

2007: Enerpoint guarda all’Europa

2007: Enerpoint guarda all'Europa.

Il 2007 è l’anno del nuovo Conto Energia. Con il nuovo Decreto 19.02.07 finalmente vengono eliminati molti limiti: la procedura di richiesta dell’incentivo viene notevolmente semplificata, la certezza dell’incentivo viene garantita grazie all’innalzamento del tetto a 1200 MWp, nuove tariffe e premi per l’efficienza energetica vengono introdotti. Il contesto normativo cambia, ma Enerpoint è sempre in prima linea sia nella realizzazione di impianti chiavi in mano sia nella distribuzione dei componenti.

La crescente sensibilità dell’opinione pubblica nei confronti dell’emergenza CLIMA, la necessità di cambiare radicalmente il nostro stile di vita e di trovare un’alternativa pulita ai combustibili fossili dimostrano come i tempi siano maturi per uno sviluppo vigoroso del mercato dell’energia solare e del fotovoltaico in particolare.

Il 2007 è l’anno in cui Enerpoint si affaccia ad altri mercati europei. A fine febbraio Enerpoint è la sola azienda italiana specializzata nella distribuzione dei componenti e nella realizzazione degli impianti completi presente alla fiera Genera di Madrid. A giugno Enerpoint espone con un proprio stand a Intersolar, Friburgo (Germania), la fiera storicamente più importante d’Europa. In Aprile Enerpoint si trasforma in Società per Azioni e aumenta il proprio Capitale Sociale a ben 1,5 milioni di Euro. L’aspetto finanziario è infatti sempre più importante per un’azienda focalizzata nel fotovoltaico.

Lo stesso mese nasce Enerpoint Energy S.r.l., destinata a occupare un posto di rilievo nel panorama delle società impegnate nella vendita di energia elettrica da fonte fotovoltaica. Nel corso del 2007 si consolida anche la partnership con Leader Energia S.r.l., che sottoscrive un contratto di esclusiva con Enerpoint S.p.A. per la fornitura di sistemi fotovoltaici chiavi in mano. Leader Energia si distingue per l’efficacia del proprio lavoro nella promozione e vendita di impianti fotovoltaici per applicazioni prevalentemente industriali, tanto che Enerpoint decide di dedicare le proprie capacità tecniche e organizzative proprio alla realizzazione degli impianti venduti da Leader Energia. Nominativi di clienti che contattano Enerpoint per chiedere offerte di impianti completi vengono pertanto dirottati, a seconda della potenza, a ditte d’installazione locali oppure alla stessa Leader Energia.

La rete di venditori di Enerpoint ha così modo di concentrarsi sulla vendita dei componenti (moduli, inverter e strutture di supporto) soprattutto a installatori. Il mercato fotovoltaico italiano cresce rapidamente e con esso il mercato della distribuzione raggiunge numeri sempre più importanti, che Enerpoint intende seguire con il massimo impegno.

Nel mese di ottobre 2007, la gamma di moduli fotovoltaici Enerpoint si arricchisce ulteriormente grazie alla partnership con la tedesca SCHOTT Solar, un altro nome di grande spicco nel panorama fotovoltaico internazionale. 

2008: Enerpoint diventa ancora più forte!

Il 2008 inizia con un importante passo avanti per Enerpoint che, grazie all’ingresso di un nuovo socio, vede aumentare il proprio Capitale Sociale del 20%. Si tratta di EQUITER (ex FIN.OPI), equity investor nei settori infrastrutture ed ambiente del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Con l’ingresso di EQUITER,  Enerpoint S.p.A., dopo anni di continua crescita in un mercato attualmente tra i più promettenti al mondo, trova il partner strategico capace di condividere e sostenere lo sviluppo industriale e le prospettive di crescita della società nei prossimi anni.

2009: Enerpoint varca i confini italiani

Per diversificare il proprio business e cogliere le nuove opportunità offerte anche all'estero Enerpoint apre una nuova divisione a Quedlimburg, in Germania. Nasce così Enerpoint GmbH che fa registrare quasi 10 milioni di euro di fatturato già nel primo anno di attività.

Anche la sede italiana continua a crescere e nel 2009 vanta 50 dipendenti, 70 MW di moduli fotovoltaici distribuiti e oltre 7000 impianti realizzati grazie alla Rete di Installatori Autorizzati Enerpoint presenti su tutto il territorio nazionale.

Viene avviata la partnership con REC, fornitore norvegese di pannelli solari fotovoltaici, e con Trina Solar, gigante cinese che ha saputo confermare la sua leadership nel corso degli anni.

2010: l'espansione continua, le partnership aumentano

Crescono anche i numeri di Enerpoint: raggiunti i 115 MWp di moduli fotovoltaici distribuiti e gli oltre 11.000 impianti realizzati grazie alla rete di installatori Enerpoint. Il fatturato aziendale raggiunge i 253 milioni di €.

Vengono sviluppate le nuove divisioni EPC e Grandi Impianti impegnate fin dal loro avvio sui progetti in corso a L'Aquila e in Puglia.

Il primo semestre vede inoltre l'avviamento di nuove partnership con produttori di fama internazionale: SANYO (oggi Panasonic), Suntech, Samsung, SMA e SolarMax.

2011: cresce l'EPC e si apre nuova filiale in Israele

Il 2011 si apre all'insegna dell'apertura della nuova divisione israeliana di Enerpoint dando vita a Enerpoint Ltd, con sede a Tel Aviv.

L'espansioen del fotovoltaico continua facendo registrare circa 15.000 impianti realizzati a fronte di un distribuito di oltre 185 MW. 

Anche l'EPC vede un rapido sviluppo che porta Enerpoint a realizzare grandi impianti fotovoltaici per complessivi 17 MW tra installazioni a terreno e su tetto.

2012: un anno all'insegna dell'internazionalizzazione

L'anno si apre all'insegna dell'interenazionalizzazione con l'apertura della filiale in Belgio, per il BENELUX, e in UK.

Sono distribuiti oltre 320 MW di pannelli solari FV e realizzati circa 22.000 impianti.

La divisione EPC ha permesso la realizzazione di 65 MW di grandi impianti FV.