In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Pannelli fotovoltaici: Domande e risposte

Fotovoltaico: domande frequenti

1. Posso installare un impianto fotovoltaico a casa mia?
Sì, basta disporre di sufficiente spazio sul tetto, in giardino o in terrazza, per installare i pannelli solari orientandoli verso il sole. I pannelli o moduli fotovoltaici devono essere esposti il più possibile a sud e senza ombreggiamenti (camini, lucernari, ecc.)

2. L'impianto solare richiede integrazioni particolari con l'impianto elettrico di casa?
No, c'è la massima compatibilità tra i sistemi solari fotovoltaici Enerpoint e i comuni impianti abitativi.

3. I pannelli fotovoltaici funzionano in aree non particolarmente soleggiate?
Sì, e la prova è data dalla grande diffusione che i sistemi solari hanno in paesi del Nord Europa, notoriamente meno soleggiati dell'Italia.

4. E’ richiesta una manutenzione particolare?
La manutenzione di impianti fotovoltaici è praticamente assente.

5. I pannelli fotovoltaici resistono al tempo e alle intemperie?
Sì, lo dimostrano migliaia di moduli fotovoltaici in funzione da oltre 20 anni. Resistono a grandine, salsedine, pioggia, vento e neve.

6. Quanta elettricità produce un sistema fotovoltaico?
La produzione dell'impianto solare fotovoltaico dipende dalla potenza nominale, dall'area geografica e dal tipo di esposizione al sole. Es. 1 kWp ben esposto nel Centro Italia produce mediamente circa 1.300 kWh all'anno.

7. Cos'è il chilowatt di picco?
I kWp (chilowatt di picco) del fotovoltaico non vanno confusi con i kW del contatore. I 3 kw del contatore, ad es., rappresentano la potenza massima che si può assorbire dalla rete (superata la quale "salta la luce"). I kWp rappresentano invece la potenza massima che può essere erogata dai moduli in condizioni ottimali d'irraggiamento solare.

8. In cosa consiste il Conto Energia?
Si tratta di un meccanismo di incentivazione che remunera l'energia elettrica da impianti fotovoltaici connessi alla rete. Il sistema garantisce una rendita sicura della durata di 20 anni per chi installa e produce energia elettrica da pannelli solari di tipo fotovoltaico, con incentivi elevati che permettono di trasformare la spesa iniziale in un vero e proprio investimento. E il guadagno continua anche per i successivi 20 anni.

9. Cosa si intende per attestato di certificazione energetica dell'edificio?
Si tratta di un documento, redatto da soggetti accreditati nel rispetto delle norme di legge, attestante la prestazione energetica dell'edificio, ovvero la quantità annua di energia primaria necessaria per soddisfare i vari bisogni connessi ad un uso standard dell'edificio. L'attestato riporta i dati relativi all'efficienza energetica dell'edificio, i valori vigenti a norma di legge, ed è corredato di suggerimenti in merito agli interventi più significativi ed economicamente convenienti per il miglioramento della prestazione energetica dell'edificio.

10. Che ruolo ha il GSE (ex GRTN)?
Il Gestore dei Servizi Elettrici (GSE) ha un ruolo centrale nell'incentivazione delle fonti rinnovabili in Italia. Azionista unico del GSE è il Ministero dell'Economia e delle Finanze che esercita i diritti dell'azionista d'intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico. Il GSE è capogruppo delle sue società controllate AU (Acquirente Unico) e GME (Gestore del Mercato Elettrico).  Il GSE gestisce, in qualità di Soggetto Attuatore, il sistema di incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a pannelli fotovoltaici nell'ambito del Conto Energia.