In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Quarto Conto energia: si attende la firma del decreto

29 Aprile 2011 - Enerpoint, come altri operatori, auspicano una rapida firma del decreto per riprendere a lavorare su basi solide.

 

Nonostante il no ricevuto dalle Regioni alla bozza presentata ieri dal Governo, oggi si attende comunque la firma del Decreto che darà nuovo slancio al fotovoltaico italiano fermo ormai da due mesi.

Le Regioni, che hanno comunque riconosciuto il lavoro e i passi avanti fatti dal Governo, si sono dette comunque parzialmente soddisfatte dell’ottenuta proroga di altri 3 mesi per gli incentivi del 3° Conto Energia che verrà inserita nel decreto e che fisserà la scadenza delle precedenti tariffe al 31 agosto 2011 anziché il 31 maggio.

Altro punto che ha riscosso l’approvazione delle Regioni è quello relativo alle bonifiche dell’amianto che il meccanismo incentivante premierà ulteriormente.

Enerpoint, come migliaia di altri operatori del fotovoltaico, richiede che il decreto del nuovo Conto Energia venga approvato al massimo oggi.

“Il testo presentato ieri alle Regioni prevedeva significativi miglioramenti rispetto alla bozza circolata all’inizio della scorsa settimana” dice Paolo Rocco Viscontini, Presidente e AD di Enerpoint SpA, “Alcune indiscrezioni riferiscono infatti un aumento a 1MWp (per gli impianti sugli edifici) del limite di potenza senza necessità di richiesta di accesso all’incentivo tramite iscrizione al registro e del prolungamento al 31 agosto per il riconoscimento della tariffa incentivante degli impianti entrati in esercizio entro la medesima data senza, anche in questo caso, dover dipendere dagli esiti di una graduatoria che inevitabilmente porterebbe a ritardi insostenibili per chi ha le realizzazioni in corso”.

“Il nuovo testo permetterà alle aziende del settore di ripartire immediatamente” conclude Rocco Viscontini, “e chi stava installando impianti avrà il tempo per terminarli avendo la certezza del riconoscimento della tariffa incentivante allineata a quella attesa. Mi aspetto che oggi, 29 aprile, la firma del decreto suggelli la ripartenza del fotovoltaico in Italia.”
 

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news