In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Il 4 Conto Energia e il registro grandi impianti

30 Giugno 2011 - Pubblicati i criteri di prioritÓ che saranno applicati ai grandi impianti fotovoltaici in attesa di accedere agli incentivi.

 

Sono state numerose le richieste di chiarimenti pervenute al GSE circa le modalità di accesso dei grandi impianti agli incentivi messi a disposizione dal Quarto Conto Energia.

Punto principale da chiarire è quello relativo alla formazione della graduatoria degli impianti iscritti al registro. Per tali impianti i criteri di priorità sono quelli indicati dal Gestore e riportati qui di seguito:

a)    impianti entrati in esercizio alla data di presentazione della richiesta di iscrizione, ordinati secondo la data di entrata in esercizio;
b)    impianti per i quali sono terminati i lavori di realizzazione alla data di presentazione della richiesta di iscrizione, ordinati secondo la data di fine lavori;
c)    impianti in fase di sviluppo o a progetto, provvisti di idoneo titolo autorizzativo e di richiesta di connessione alla rete accettata dal Gestore di Rete competente.

In caso di parità di data di entrata in esercizio per gli impianti di cui al punto a) oppure in caso di parità di data di fine lavori per gli impianti di cui al punto b) oppure per gli impianti di cui al punto c) il GSE applicherà in ordine gerarchico i seguenti ulteriori criteri di priorità:

1)    precedenza della data del pertinente titolo autorizzativo;
2)    a parità di data del pertinente titolo autorizzativo, minore potenza dell’impianto;
3)    a parità di data del pertinente titolo autorizzativo ed anche di potenza dell’impianto, precedenza della data della richiesta di iscrizione al registro.

 

Fonte: GSE

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news