In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Registro grandi impianti fotovoltaici: riprendono le iscrizioni

7 Novembre 2011 - Il Gestore ha dato il via alla seconda finestra temporale, 1-30 novembre 2011, per iscrivere i grandi impianti sul registro informatico.

 

Il GSE ha reso noto attraverso il proprio sito internet che, in attuazione di quanto previsto dal 4° Conto Energia, dall’1 al 30 novembre 2011 è aperto un nuovo periodo di iscrizione al Registro informatico per i "grandi impianti fotovoltaici", riferito al primo semestre dell'anno 2012.

La graduatoria degli impianti rientranti nel limite di costo è formata applicando, in ordine gerarchico, i criteri di priorità previsti dal Decreto, utilizzando i dati e le informazioni inserite e di cui il dichiarante si assume la piena responsabilità.

Poiché si tratta di un’iscrizione di tipo concorsuale su registro informatico dovrà essere prestata particolare attenzione al caricamento dei dati e dei documenti previsti che, in caso di mancato inserimento non potranno essere inviati in un secondo momento.

Essendo previsto un limite di costo il GSE, anche al fine di garantire l'efficienza ed efficacia della propria azione, analizzerà la documentazione relativa alle richieste di iscrizione risultate, potenzialmente ammissibili, fino a concorrenza del limite di costo di 150 milioni di euro e pubblicherà l'elenco degli impianti ammessi.

Per quanto riguarda gli impianti fotovoltaici multi-sezione, si ribadisce che deve essere inviata al GSE una specifica richiesta di iscrizione al Registro per ciascuna sezione di cui si compone l'impianto, ai fini della determinazione del relativo costo ammesso nel periodo di riferimento.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa del GSE.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news