In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Lombardia e rinnovabili: 4 milioni per il geotermico

25 Maggio 2012 - Il risparmio energetico prima di tutto, ma anche il sostegno alle rinnovabili: questa la finalità del il bando messo a punto dall’Assessorato Regionale all’Ambiente, Energia e Reti della Regione Lombardia.

 

Il Bando approvato in questi giorni è diretto agli Enti Pubblici dalla Regione Lombardia e punta a incentivare l’installazione di nuovi impianti di riscaldamento e raffrescamento alimentati con le pompe di calore geotermiche.

L’assessore Marcello Raimondi spiega: "Regione Lombardia, con uno sforzo finanziario significativo soprattutto in questi periodi di ristrettezze economiche, finanzia altri 28 progetti di Enti locali che vogliono investire sulle energie rinnovabili e sul risparmio energetico, e cioè sulle vere linee strategiche per il futuro energetico ed economico della nostra regione".“In questo modo diminuisce la dipendenza dal combustibile fossile e vengono valorizzate le risorse energetiche rinnovabili localmente disponibili. Allo stesso tempo, tramite la riduzione di emissioni clima-alteranti, si contribuisce al miglioramento delle condizioni ambientali". "Questa, come altri interventi - continua l'assessore - è la risposta della Regione alla forte domanda di energie alternative che arriva dai territori. In particolare i Comuni hanno il desiderio di dare il buon esempio e di puntare sulle rinnovabili per il loro approvvigionamento energetico. Anche con questo ulteriore contributo ribadiamo la vicinanza della Regione alle loro aspettative".

I circa 150 progetti che verranno approvati godranno di contributi a fondo perduto pari all’80% del costo totale ammissibile, ma dovranno essere realizzati entro il 31 dicembre 2013.

Si stima che la realizzazione di questi progetti comporterà un risparmio energetico di circa 140 tonnellate equivalenti per anno di petrolio e una mancata emissione di circa 500 tonnellate/anno di CO2.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news