In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Rinnovabili, benefici maggiori dei costi

28 Maggio 2012 - Le fonti energetiche rinnovabili producono maggiori benefici rispetto ai costi sostenuti per incentivarle. Questo Ŕ quanto emerge dallo studio della Commissione Ambiente della Camera.

 

La Commissione Ambiente alla Camera ha dimostrato, attraverso un’indagine condotta in questi mesi, quanto siano importanti in questo periodo di profonda crisi economica le fonti rinnovabili (insieme a efficienza energetica, innovazione e ricerca) per l’economia del Paese.

Secondo la Commissione “Le rinnovabili, che rappresentano uno dei settori più rilevanti della green economy, potranno giocare un ruolo strategico nella messa a punto di un nuovo modello di sviluppo, che riequilibri i fattori economici, sociali e ambientali, consentendo quindi di fronteggiare in modo innovativo le difficoltà dell’attuale contesto economico”.
“Se è vero che gli incentivi al settore pesano per circa il 10% sulla bolletta elettrica di famiglie e imprese, è altrettanto vero che nel medio periodo i benefici supereranno di gran lunga gli oneri. Per il solo fotovoltaico si spendono annualmente circa 5,5 miliardi di euro; se, come risulta da valutazioni condivise, tale importo crescesse ulteriormente fino ad arrivare alla soglia, stimata in 7 miliardi di euro, considerata essenziale per arrivare - senza conseguenze negative per il settore - alla grid-parity, il saldo positivo al 2030 sarebbe veramente notevole”.

Qualenergia.it a tal proposito fa notare inoltre che “analizzando i numerosi studi al riguardo, relativi al complesso delle Fer, si passa da stime molto prudenziali che valutano il saldo positivo in circa 20 m.di € (Irex annual report 2012 – scenario BAU di minor diffusione delle rinnovabili) a valutazioni che superano di molto i 70 m. di (stima dell’Osservatorio internazionale sull’industria e la finanza delle rinnovabili)”.

La Commissione suggerisce infine che il Governo dovrebbe continuare a sostenere lo sviluppo delle rinnovabili che subirebbero una forte battuta d’arresto se il Quinto Conto Energia venisse approvato con il testo diffuso nelle ultime settimane e che “vada fatto uno sforzo ben maggiore per tutelare e salvaguardare la filiera industriale italiana delle rinnovabili”.

 

Scarica qui il testo elaborato dalla Commissione Ambiente alla Camera.

 

Fonte: Qualenergia.it

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news