In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

AGGIORNAMENTI SUL V CONTO ENERGIA dopo la Conferenza STATO-REGIONI

8 Giugno 2012 - Un breve aggiornamento sull’esito della Conferenza Unificata Stato - Regioni che si è riunita mercoledì pomeriggio, 6 giugno, a Roma.

 

L’incontro si è concluso con segnali di apertura da parte del Governo che dovrà adesso integrare nel testo le richieste avanzate dalle Regioni.


LE PRINCIPALI RICHIESTE

1) INNALZAMENTO DEL TETTO DI SPESA per gli incentivi che dovrà passare dai 500 mln/anno ai 749 mln/anno;
2) ENTRATA IN VIGORE del nuovo decreto dal 1° ottobre, ma solo se  il costo degli incentivi avrà raggiunto, a tale data e da almeno 30 giorni, i 6 miliardi annui stanziati dal IV° Conto Energia;
3) ISCRIZIONE AL REGISTRO solo per gli impianti superiori ai 100 kWp e un cap di 50 mln/anno a semestre con un decalage delle tariffe proporzionale per i semestri successivi;

4) ESCLUSIONE DAL REGISTRO per diverse categorie di impianto:

>impianti a concentrazione e con caratteristiche innovative senza limite di potenza e fino a un cap di 10  
euro mln/anno. Raggiunta tale soglia si provvederà a un decalage delle tariffe incentivanti;
> impianti su edifici e e aree delle Pubbliche Amministrazioni senza limite di potenza, ma con un cap di   
spesa annuale pari a 20 mln euro e una graduale riduzione delle tariffe al raggiungimento di tale soglia;
> impianti realizzati in sostituzione di eternit  fino a 100 kWp;
>impianti ricostruiti su edifici, capannoni e fabbricati situati nelle zone terremotate purchè installati nel rispetto della normativa antisismica;

5) MADE IN EU, Innalzamento di 3 centesimi di euro  al kWh delle tariffe per gli impianti Made in Europe che utilizzino materiali realizzati almeno all’80% in EU e per gli impianti realizzati in sostituzione di eternit.
6) RIALZO DELLE TARIFFE  per gli impianti sotto i 20 kWp;
7) SEMPLIFICAZIONE dei procedimenti burocratici per accedere al Registro;
8) REVISIONE CRITERI DI priorità nell’accesso alla graduatoria dando precedenza agli impianti che sostituiscano l’amianto o favoriscano l’efficienza energetica;
 

Per ulteriori approfondimenti sul tema consigliamo il seguente articolo: http://www.qualenergia.it/articoli/20120607-conto-energia-fotovoltaico-ecco-come-dovrebbe-cambiare

 

 

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news