In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

ANIE/GIFI chiede deroga per la norma CEI 0-21

27 Luglio 2012 - Difficile il reperimento sul mercato dei sistemi di protezione di interfaccia, l’associazione ANIE/GIFI chiede deroga all’AEEG.

 

L’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas ha stabilito con la delibera 84/2012/R/EEL che l’entrata in vigore della versione 06-2012 della Norma CEI 0-21 è il 1° luglio 2012, ma il difficile se non impossibile reperimento dei dispositivi di protezione di interfaccia sta causando ulteriori disagi a un settore che risente già dell’ormai prossimo calo degli incentivi.

Di fatto la norma introdotta prevede che vi sia l’obbligo per gli utenti attivi che collegano un impianto fotovoltaico con potenza superiore a 6 kWp alla rete elettrica in bassa tensione (BT) di installare  la protezione di interfaccia (SPI) dedicata ed esterna all’inverter.

ANIE/GIFI fa sapere di essersi mobilitata con L’AEEG alla quale ha richiesto una deroga temporale affinché sia possibile portare a termine contratti già acquisiti, ma bloccati per la scarsa offerta di SPI. Le aziende produttrici di tale dispositivo sono infatti ancora poco numerose e  non riescono a garantire la fornitura necessaria di dispositivi richiesta dal mercato in tempi tanto brevi.

“Siamo fiduciosi che l’Autorità non resterà impassibile di fronte a questa grave criticità – conclude Natalizia. Come ANIE/GIFI abbiamo già da tempo chiesto e recentemente ribadito la necessità di una deroga temporale all'entrata in vigore della Norma CEI 0-21 e dell'allegato A70 del Codice di Rete di Terna nelle parti che riguardano i sistemi di protezione di interfaccia per gli impianti da connettere in bassa tensione.”

 

Fonte: ANIE/GIFI

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news