In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Quanto durerà il 5° Conto Energia?

26 Settembre 2012 - Il GSE ha aggiornato i dati presenti nel contatore del conto energia e i fondi disponibili per il V Conto Energia sono ormai chiari: mancano circa 350 milioni all’esaurimento degli incentivi. Le stime di alcuni esperti del settore.

 

Il contatore del GSE oggi segna 6.339.010.419 € di costo incentivi cumulato annuo, mancano quindi circa 360 milioni alla chiusura del V Conto Energia.

A tal proposito riportiamo qui di seguito un'indagine di Qualenergia.it che ha raccolto le opinioni di alcuni esperti del settore.

Secondo Valerio Natalizia, presidente GIFI, “È veramente difficile fare una stima sulla durata degli incentivi, perché non abbiamo ancora potuto analizzare la velocità di utilizzo del budget del quinto conto energia” affermando però che, secondo lui, non si andrà oltre marzo-aprile 2013.

Di parere analogo anche Gianni Silvestrini, direttore scientifico di Qualenergia, secondo cui il quinto C.E. esaurirà i suoi fondi tra maggio e giugno 2013, stima che tiene conto però anche della finestra dei 30 giorni dal raggiungimento del tetto di 6,7 miliardi di costo annuo incentivi.

Le previsioni più negative sono invece quelle fornite dal professor Arturo Lorenzoni, docente del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Padova, che ne fissa il termine con la chiusura del 2012 a causa dei 140 milioni di euro del registro grandi impianti chiusosi il 18 settembre scorso.

Nonostante le stime non sempre ottimistiche però è giusto evidenziare che il fotovoltaico, grazie agli incentivi erogati in questi anni (che ne hanno permesso la rapida diffusione e la conseguente riduzione dei costi), sarà ancora un'opportunità interessante soprattutto in ottica di autoconsumo e vendita tra privati, anche senza incentivi economici, così come prospettato da Valerio Natalizia in occasione di Zeroemission svoltasi a Roma dal 5 al 7 settembre scorsi.

Il comunicato stampa integrale del GIFI è scaricabile cliccando qui.

 

Fonte: Qualenergia.it

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news