In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

AFASE: lettera per un’energia solare accessibile

8 Marzo 2013 - AFASE, con questa petizione, chiede che la Commissione Europea si astenga dall'imporre dazi antidumping che creerebbero problemi al fotovoltaico europeo.

 

A partire dal 6 marzo 2013, è stata disposta la registrazione delle importazioni di moduli fotovoltaici in silicio cristallino e delle relative componenti chiave (celle e wafer) originari o provenienti dalla Repubblica popolare cinese.

L’introduzione dell’obbligo di registrazione serve alla Comunità per verificare la quantità di importazioni e valutare se adottare dazi antidumping, che possono essere applicati anche retroattivamente a partire dalla data dell’obbligo di registrazione.

L’introduzione di politiche antidumping e anti-sovvenzioni sui prodotti cinesi del settore solare influenzerebbero in modo molto significativo l’intero business e la relativa futura crescita.

Per questo E' IMPORTANTE SOSTENERE AFASE (Alleanza per un'energia solare accessibile) per un settore fotovoltaico libero e sano in Europa.  

  
Perché firmare la lettera contro l’imposizione dei dazi antidumping:

  • L'imposizione di dazi antidumping ostacolerebbe gravemente la crescita del settore dell'energia solare nella UE;
  • L'imposizione di dazi è in contraddizione con la diminuzione dei costi necessaria per la sopravvivenza del settore;
  • L'imposizione di dazi  provocherebbe l’inevitabile aumento del costo dei prodotti solari nell'UE;
  • All'aumentare dei prezzi per i prodotti solari cinesi, la domanda di impianti fotovoltaici diminuirebbe significativamente;
  • Le precedenti condizioni ostacolerebbero il raggiungimento dell’ormai vicina Grid Parity;
  • Le difficoltà che si verrebbero a creare graverebbero sulle aziende del settore provocando perdite di posti di lavoro.

Per tutti questi motivi, AFASE chiede che la Commissione Europea si astenga dall'imporre dazi antidumping e/o di compensazione e che permetta alla catena del valore UE del FV di svilupparsi e crescere - dando in tal modo il maggiore contributo alla UE in termini di occupazione e valore aggiunto.

 

Scarica qui il Regolamento CE pubblicato sulla GUUE del 5 marzo 2013.

Per maggiori info circa AFASE visita il sito: www.afase.org

 

Per firmare la lettera clicca qui
 


 

Fonte: AFASE

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news