In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Adeguamento impianti BT e MT: ecco la delibera

12 Giugno 2013 - E' stata emanata la Delibera n. 243/2013/R/eel che indica quali disposioni e quali tempistiche dovranno rispettare gli impianti rinnovabili per continuare a beneficiare di convenzioni come incentivi e scambio sul posto.

 

L'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas ha deliberato in merito all'adeguamento degli impianti di generazione distribuita (produzione elettrica da fonti rinnovabili) per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale.

La Delibera in questione è la n. 243/2013/R/eel emanata il 6 giugno scorso che va a modificare la delibera 84/2012/R/eel. Tale delibera prende in considerazione gli impianti allacciati prima del 31 marzo 2012 di potenza superiore ai 6 kWp allacciati alla rete in BT e gli impianti di potenza inferiore ai 50 kWp allacciati alla rete in MT.

Dalla delibera n. 243 emergono le seguenti tempistiche e indicazioni:

Adeguamento entro il 30 giugno 2014 per

  • Impianti collegati alla rete BT alla data del 31 marzo 2012 di potenza superiore a 20 kWp
  • Impianti collegati alla rete MT alla data del 31 marzo 2012 di potenza sino a 50 kWp

Adeguanto entro il 30 giungo 2015 per

  • Impianti collegati alla rete BT alla data del 31 marzo 2012 di potenza compresa tra 6 kWp e 20 kWp

L’adeguamento riguarda il paragrafo 5 dell’allegato A70, ed in particolare, in deroga a quanto indicato nello stesso, gli impianti dovranno rimanere connessi entro il range di frequenza 49-51Hz. Per quanto riguarda le macchine rotanti in impianti “tradizionali” le frequenze dovranno essere regolate come sopra entro i limiti delle macchine stesse.

Il mancato adeguamento anche dopo il sollecito delle imprese distributrici, comporterà la sospensione di eventuali convenzioni di Scambio Sul Posto, Ritiro Dedicato, nonchè incentivi in Conto Energia.

 

Fonte: AEEG

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news