In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Sistemi efficienti di utenza SEU: pubblicata la delibera

16 Gennaio 2014 - L'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas ha approvato la delibera sulla “regolazione dei servizi di connessione, misura, trasmissione, distribuzione, dispacciamento e vendita nel caso di sistemi semplici di produzione e consumo”.

 

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha approvato la delibera 578/2013/R/eel: questa delibera era attesa dal 2008 e regolamenta i Sistemi Efficienti di Utenza  o SEU, ovvero sistemi alimentati da impianti a fonti rinnovabili o di cogenerazione ad alto rendimento con potenza fino a 20 MWe, gestiti da un solo produttore, anche diverso dal cliente finale, direttamente connessi tramite un collegamento privato all’unità di consumo di un solo cliente finale e realizzati all’interno di un’area di proprietà o nella piena disponibilità cliente stesso.


La delibera regola dunque l'autoconsumo per impianti di dimensioni maggiori di quelle che permettono di accedere allo scambio sul posto (quindi oltre i 200 kWp) e indica le modalità con cui un produttore può installare un impianto alimentato da fonti rinnovabili (o di cogenerazione) sulla proprietà di un certo utente e vendere direttamente a questo l’energia elettrica che l’impianto produce.
L’Autorità con la delibera stabilisce come questi sistemi di produzione/consumo si debbano interfacciare con la rete pubblica e come verranno pagati i corrispettivi di trasporto, dispacciamento, distribuzione e misura dell’energia elettrica a seconda delle molteplici configurazioni impiantistiche che si possono presentare.

Per saperne di più: http://qualenergia.it/articoli/20140109-seu-ecco-i-punti-che-la-delibera-chiarisce-ora-possono-partire

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news