In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Fotovoltaico - Risoluzione anticipata degli incentivi del Conto Energia? La proposta di Italia Solare

20 Ottobre 2016 - Italia Solare sta facendo un tour in tutta Italia per confrontarsi con operatori e proprietari di impianto sulla Proposta di Risoluzione anticipata degli incentivi del Conto Energia da presentare al GSE...

 

Lo scorso 13 ottobre si è parlato di RISOLUZIONE ANTICIPATA DEGLI INCENTIVI DEL CONTO ENERGIA durante il Convegno Italia Solare: "Una marcia in più per gli impianti Fotovoltaici", organizzata con la collaborazione di Enerpoint Smart Solutions a Cinisello Balsamo presso il Centro di Educazione Ambientale di Legambiente.

In cosa consiste la proposta  di Italia Solare?

ITALIA SOLARE intende presentare al GSE una proposta di risoluzione anticipata, volontaria e quindi facoltativa, delle convenzioni con i proprietari di impianti fotovoltaici fino a fronte di un pagamento una tantum dell'importo residuo dell'incentivo in conto energia, attualizzato e corretto in considerazione del naturale degrado dei componenti.


"Pensiamo che tale strumento facoltativo possa essere interessante se l’importo pagato risponde alle giuste aspettative dei proprietari degli impianti, tenendo anche presente che questa scelta comporterebbe la perdita dello scambio sul posto.

Nel contempo riteniamo che questa idea possa anche rappresentare, per i produttori che aderiscono all’iniziativa, un’opportunità per stimolare l’implementazione di soluzioni di accumulo e di pompe di calore, al fine di aumentare l’autoconsumo del proprio impianto solare e di realizzare risparmi ancora più significativi sulle bollette energetiche."

Per saperne di più visita il sito di Italia Solare

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news