In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

I frigoriferi fotovoltaici per le aree isolate dei Paesi in via di sviluppo

25 Giugno 2003 - L’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Unicef stanno collaborando con Greenpeace, insieme ad altri enti pubblici e privati europei, per la produzione di frigoriferi alimentati con il solare fotovoltaico utili soprattutto alla conservazioni di medicinali e vaccini nei PVS.

 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Unicef stanno collaborando con Greenpeace, l’Agenzia per la cooperazione tecnica tedesca, l’Istituto tecnologico danese ed alcune aziende private, per lo sviluppo e la produzione di frigoriferi alimentati con il solare fotovoltaico (FV). I frigoriferi FV sono indirizzati principalmente ai paesi in via di sviluppo per consentire la conservazione dei medicinali e dei vaccini soprattutto nelle aree rurali non servite dalla corrente elettrica.

Il progetto, presentato già lo scorso anno nell’ambito del vertice mondiale di Johannesburg, è ormai in una fase operativa, visto che sono stati già presentati sul mercato i primi modelli del frigorifero FV chiamato “Solar Chill”.

Anche l’Università spagnola della Navarra e una azienda spagnola si stanno orientando verso un sistema di raffreddamento e mantenimento del latte alimentato da un sistema fotovoltaico e senza l’utilizzo di batterie. In sintesi, il sistema integra in un’unica struttura due cilindri concentrici, una tanica di raffreddamento e conservazione del latte ed una tanica di accumulo di acqua ghiacciata. L’applicazione diretta del FV al contenitore del latte consente di non utilizzare nessun sistema intermedio di condizionamento, di microprocessori o batterie elettrochimiche, in modo da minimizzare la produzione di energia necessaria che verrà poi utilizzata.

Fonte: Energia Solare – FV, 1/2003

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news