In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Pompaggio e purificazione dell'acqua con l'energia solare: un programma nel Maghreb

11 Luglio 2003 - In un centinaio di villaggi di 3 paesi del Nord Africa è in corso un programma per l'installazione di sistemi di pompaggio e di purificazione dell'acqua alimentati con l'energia solare fotovoltaica.

 

L'accesso all'acqua e soprattutto a l'acqua potabile resta una delle priorità in diversi paesi mediterranei, in particolare nei paesi del Maghreb. Nel 1997 molti villaggi nel sud del Marocco, nella regione di Ouzarzate, erano stati attrezzati di pompe solari e di sistemi di purificazione dell'acqua per iniziativa dell'Istituto di Energia Solare (IES) di Madrid.

Bisogna ricordare che nei paesi in via di sviluppo se l'acqua è un bene molto prezioso, lo è al tempo stesso il suo grado di qualità sanitaria: in questa regione, ad esempio, quattro malattie su cinque sono causate da un'acqua di cattiva qualità.

Oggi il programma dello IES può servire da esempio, perché le pompe solari fotovoltaiche funzionano, la manutenzione è assicurata ed i contributi dei beneficiari sono sufficienti per permettere di guardare a queste installazioni come un bene per la comunità anche nel lungo periodo.

A partire da questo modello di progetto è stato elaborato e lanciato all'inizio del 2002 un nuovo programma, che vede accanto allo IES l'organizzazione francese Fondation Énergies pour le Monde ed un partner di ciascuno dei 3 paesi del Maghreb coinvolti. L'obiettivo è di installare, in un centinaio di villaggi, dei sistemi di pompaggio e di purificazione dell'acqua alimentati con l'energia solare fotovoltaica. Attualmente, ad un anno dall'avvio del programma, è in corso la prima fase che comprende l'identificazione dei siti e la sensibilizzazione dei futuri utilizzatori.

Fonte: Infos - Fondation Énergies pour le Monde (n.13/2003)

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news