In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Riapre il bando solare Termico in Lombardia

10 Gennaio 2005 - Apertura bando: 20/12/2004 Chiusura bando: fino ad esaurimento fondi “Bando per l'assegnazione e l'erogazione di contributi a fondo perduto per l'installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria e/o per il riscaldamento"

 

La Regione Lombardia nell'ambito della sua azione programmatica ha rifinanziato l'iniziativa per incentivare la realizzazione di pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria e per il riscaldamento e la produzione di aria calda.
Il provvedimento di approvazione sarà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia n. 52 - Serie Ordinaria - del 20 dicembre 2004.

A partire da tale data sarà possibile inoltrare la richiesta di finanziamento attraverso la procedura telematica. I contributi verranno assegnati in base all’ordine di presentazione delle domande fino ad esaurimento fondi.

I contributi regionali sono a fondo perduto e sono calcolati non sulla spesa sostenuta ma sull'energia producibile su base annua per un importo pari a € 0,30/kWh.

Possono presentare la domanda di contributo i proprietari della struttura edilizia sulla quale deve essere installato l'impianto o soggetti diversi dal proprietario purché autorizzati dallo stesso. Alla data della richiesta di contributo la suddetta struttura edilizia deve essere ultimata e dotata del certificato di abitabilità o di agibilità.

I contributi, destinati alla produzione e agli investimenti, assegnati alle imprese sono soggetti al rimborso per una quota non inferiore al 50% del contributo stesso con un tasso di interesse non inferiore allo 0,50% annuo.

L'assegnazione del contributo avviene soltanto attraverso l'utilizzazione di una procedura telematica (internet) e attraverso gli installatori autorizzati inseriti nell'elenco già presente sul sito regionale.”

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news