In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Come i costi delle tecnologie solari in edilizia possono diventare ricavi

14 Gennaio 2005 - Le tecnologie solari integrate nell’edificio devono essere contabilizzate con metodi nuovi che tengano conto della durata di vita dell’abitazione, dei materiali architettonici sostituiti dai componenti solari e, in definitiva, della riduzione annuale della bolletta energetica.

 

L’energia solare in edilizia ha costi estremamente più vantaggiosi di quanto possa sembrare a prima vista soprattutto se i calcoli di rientro dell’investimento si fanno nell’arco di 20 o più anni, secondo la logica dei beni durevoli e se nel metodo di valutazione dei costi tiene in giusto conto diversi aspetti, come:

  • la minore quantità della domanda di energia elettrica e per il riscaldamento che può essere ottenuta con un edificio posizionato in modo da ottimizzare l’uso della luce naturale e del calore del sole, così da utilizzare questi elementi direttamente, oppure con apparecchiature alimentate da pannelli solari; un esempio applicativo sono ad esempio i moduli FV frangisole che oltre a fornire energia riducono il fabbisogno di condizionamento;

  • i collettori solari termici e i moduli fotovoltaici possono essere montati o integrati nella struttura dell’edificio; in quest’ultimo caso essi spesso sostituiscono altri elementi strutturali esterni e vanno a ridurre così i costi di tali componenti e al tempo stesso forniscono energia pulita;

  • inoltre, nei casi migliori, se le installazioni solari sono in grado di fornire tutta l’energia necessaria all’abitazione e si è anche in grado di immagazzinarla grazie ad un accumulatore, si possono ridurre drasticamente altri costi legati all’uso dell’energia convenzionale e alle relative apparecchiature. Tutto ciò ci porta a dire che spesso il consueto metodo di determinazione dei costi del kWh solare è inadeguato in quanto più numerose saranno le funzioni che in edilizia si affideranno alle tecnologie solari (e ai relativi elementi installabili su tetti e facciate) e quanto più si riusciranno ad eliminare costi aggiuntivi (evitando il ricorso a impianti di energia convenzionale e a forniture esterne), tanto più in fretta l’uso di queste tecnologie in edilizia diventerà redditizio. In molti casi i costi del solare possono diventare dei ricavi se visti nell’ottica di un bene durevole come è appunto un edificio.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news