In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Fotovoltaico: 42% dei consumi italiani

21 Febbraio 2005 - In uno studio IEA è stimata in circa 127 TWh/anno, pari al 42,5% dei consumi totali, la quantità di elettricità da FV che potrebbe essere prodotta in Italia utilizzando tetti e facciate di edifici residenziali, commerciali, agricoli e industriali.

 

Spesso si dice che il fotovoltaico abbia una scarsa potenzialità nella produzione di energia elettrica a livello nazionale, ma anche solo valutando le sue applicazioni in edilizia sembra che questo assunto sia da rimettere in discussione.
Infatti, in uno studio del luglio 2002 dell’International Energy Agency - Photovoltaic Power Systems Programme (IEA-PVPS, Task 7) si è cercato di determinare il potenziale del fotovoltaico integrato negli edifici in alcuni dei Paesi OCSE.

Nel rapporto IEA si parte dalla valutazione che ad un’area occupata da un edificio di 100 m2, corrisponda in media un’area di tetto pari a 40 m2 (fattore di utilizzazione: 0.4) e un’area di facciata di 15 m2 (fattore di utilizzazione: 0.15), utilizzabili per l’integrazione di moduli fotovoltaici.
Attraverso specifiche metodologie di valutazione e assumendo determinati valori per i diversi parametri, tra cui l’orientamento ottimale delle superficie di captazione fotovoltaiche e il rendimento dei moduli (stabilito però ad un conservativo 10%), la IEA arriva a stimare una quota potenziale di produzione di elettricità FV sui consumi totali per i principali paesi industrializzati.

Grazie all’elevata radiazione solare, Spagna e Italia hanno un elevato rapporto tra produzione solare potenziale e consumi elettrici, oltre il 40%.
Si è calcolato che nei paesi dell’Europa centrale ed occidentale ogni abitante ha in media 18 m2 di tetto potenzialmente utilizzabile per il FV. Per quanto riguarda le facciate, per l’Europa centrale ed occidentale è di 6,5 m2 alle quali, quindi, si può attribuire il 15-20% della produzione potenziale di elettricità solare generata da sistemi fotovoltaico integrati in edilizia.

I dati relativi all’Italia sono molti interessanti. Nel nostro paese infatti è stata stimata un’area di tetti potenzialmente disponibile all’inserimento del fotovoltaico pari a 763,53 km2 (410 km2 circa per gli edifici residenziali ed il restante in edifici agricoli, industriali e commerciali) e un’area per le facciate pari a 286,32 km2 (per un valore totale pro-capite pari a circa 18 m2). Da ciò derivano alcuni valori potenziali della produzione di energia elettrica da fotovoltaico come riportato in tabella (dato consumo elettricità aggiornato al 2003).

PRODUZIONE POTENZIALE DI ELETTRICITÀ DA FV IN ITALIA

Produzione potenziale di elettricità solare per tetti: 103,077 (TWh/anno)
Produzione potenziale di elettricità solare per facciate: 23,827 (TWh/anno)
Totale Produzione potenziale di elettricità solare per involucro edificio: 126,904(TWh/anno)
Consumi di elettricità (dato 2003): 299,789 (TWh/anno)
Rapporto “produzione elettricità solare potenziale / consumi elettrici”: 42,5%

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news