In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Conto Energia in Spagna

12 Maggio 2005 - La legge spagnola stabilisce che il chilowattora FV sia pari al 575% del valore di riferimento del kWh convenzionale per 25 anni. Quest’anno varrà 42,15 centesimi di euro per impianti fino a 100 kW di potenza.

 

Il sistema di incentivazione in conto energia del fotovoltaico in Spagna, dopo vari aggiustamenti in corso d’opera, sta finalmente ottenendo effetti positivi sulla domanda.
Dal gennaio del 2005 la tariffa che incentiva il kWh fotovoltaico per sistemi fino a 100 kW di potenza è cresciuta per arrivare a 42,15 centesimi di euro, con un incremento dell’1,7% rispetto al 2004.

Ciò è dovuto al fatto che l’incentivo al FV è legato allo sviluppo dei prezzi del mercato dell’elettricità convenzionale: un aumento delle tariffe dell’elettricità approvato a livello governativo porta ad un automatico incremento della tariffa incentivante del FV.

Infatti la legge spagnola per il fotovoltaico garantisce che l’incentivo sia il 575% del valore di riferimento del kWh convenzionale per 25 anni (senza decrementi annuali come avviene in Germania) e quest’anno esso è cresciuto proprio dell’1,7% arrivando a 7,33 cent€.

Alla fine del 2004 in Spagna si ritiene che siano stati installati in totale poco meno di 40 MW, ma nel solo 2005, grazie al conto energia, si stima che il volume del mercato dovrebbe aggirarsi intorno ai 50 MW, un vero boom per il settore.
Le industrie spagnole dovrebbero essere in grado di sostenere tale domanda visto che nel 2004 hanno prodotto moduli per circa 71 MW, la gran parte dei quali esportati in Germania.

Tuttavia nel caso di impianti di grande taglia (superiore ai 100 kWp) il conto energia prevede che la tariffa incentivante sia solo la metà di quella fissata; pertanto per poter ottenere concreti benefici da questo meccanismo di incentivazione si preferisce dividere gli impianti di grande taglia in sezioni con potenze non superiori a 100 kW ciascuna ed è ciò che stanno facendo diverse società spagnole per progetti che prevedono installazioni fino ai 15 MW.

Fonte: Photon International, aprile 2005

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news