In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Ricerca Rinnovabili

31 Maggio 2005 - Il Settore chiede maggior impegno alla Commissione Europea. Necessari in R&S circa 250 milioni di euro all’anno. L’industria del nucleare continua a ricevere più risorse delle rinnovabili.

 

I responsabili dell’industria e della ricerca europea nel settore delle fonti rinnovabili, allarmati dalla costante discesa delle risorse economiche dedicate alla ricerca in questo ambito nel continente europeo hanno chiesto ai decisori delle istituzioni comunitarie di dare la massima priorità alle energie rinnovabili nel 7° Programma Quadro Europeo di Ricerca e Sviluppo.

Le risorse nei progetti di ricerca sono calate da una media di 275 milioni di euro nel corso dei primi due anni del 5° PQ (1999-2002) a 215-260 milioni di euro nei primi due anni del 6° PQ (2003-2006).

Il settore delle fonti rinnovabili stima che i fondi di ricerca e sviluppo europei necessari a sostenere tassi di crescita adeguati con gli obiettivi fissati a livello comunitario siano di circa 250 milioni di euro per anno.

Le industrie del settore hanno voluto ricordare che questo comparto tecnologico è riuscito a creare in 15 anni oltre 200 mila posti di lavoro e il potenziale è ancora largamente inespresso.
L’EREC (European Renewable Energy Council (www.erec-renewables.org) ha, inoltre, messo in evidenza che l’industria nucleare continua a ricevere risorse molto più elevate di quelle dedicate al settore della R&S nelle rinnovabili.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news