In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Conto Energia: facciamo il punto

19 Ottobre 2005 - (Ing. Paolo Maria Rocco Viscontini)

 

Conto Energia: Facciamo il punto
(Ing. Paolo Maria Rocco Viscontini)

Il gran numero di domande per il Conto Energia già arrivate al GRTN è motivo di grande soddisfazione per tutti quelli che da anni lavorano con impegno nel settore del fotovoltaico
 
La risposta di privati cittadini, aziende, professionisti ci riempie di soddisfazione, perché dimostra la validità della scelta del solare fotovoltaico, che per noi di Enerpoint all’inizio è stata una semplice intuizione, presto divenuta convinzione. E quando si è convinti si insiste, superando anche molte difficoltà (e quante difficoltà abbiamo incontrato e superato!).

Si sta ora diffondendo un timore: il primo obiettivo dei 100 MWp è stato probabilmente raggiunto. Non è che adesso dobbiamo aspettare mesi o addirittura anni prima di poter inviare altre domande al GRTN?
Non posso certo dare una risposta che sia sicura al 100%, ma una previsione posso farla (con tutti i margini d’incertezza tipici delle previsioni). Penso che il grande successo della fase iniziale del Conto Energia non possa essere trascurato e i decisori pubblici (Ministro Scajola in primis) capiscano che i cittadini vogliono che la strada del fotovoltaico venga seguita con decisione.


Ci aspettiamo quindi che vengano presto (anzi, prestissimo) stabiliti dei nuovi obiettivi, ben più ambiziosi. Meglio ancora sarebbe togliere ogni limite/obiettivo. Che senso ha puntare a installare 300 MWp di impianti fotovoltaici in più anni quando quest’anno in Germania si installa la stessa potenza in soli 6 mesi?


In ogni caso conviene certamente continuare a spedire le domande al GRTN, perché è molto probabile che non appena si decide di superare i 100 MWp, le prime che beneficeranno dell’agevolazione in Conto Energia saranno proprio le domande arrivate subito dopo quelle già accettate. Inoltre sembra che molte richieste presentate tra il 19 e il 30 settembre siano incomplete e/o sbagliate e per questo potrebbero essere escluse dalla graduatoria, “liberando” qualche MWp in favore delle domande arrivate successivamente.


E’ infine doveroso elogiare il GRTN per l’enorme sforzo che sta facendo. Pensate: sembra che il 15 settembre, giorno dell’uscita della Delibera dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas che stabiliva che il GRTN era il Soggetto Attuatore e che le richieste potevano essere spedite già dal 19 settembre, il GRTN stesso non ne sapeva niente!


Hanno cominciato a essere travolti da migliaia di telefonate e di mail, ma nel giro di pochi giorni hanno organizzato un efficiente servizio d’informazioni (anche quadri e dirigenti di altri uffici del GRTN hanno dato la loro disponibilità nel rispondere alle chiamate!) e hanno inserito nel loro sito una parte dedicata al fotovoltaico, comprendente un’utilissima serie di domande e risposte (che consiglio di andare a leggere: www.grtn.it).


I cittadini richiedono proprio questo: disponibilità e competenza, e sembra proprio che il GRTN risponda adeguatamente all’importante ruolo assegnato.
Il fotovoltaico in Italia è partito come ci aspettavamo. E’ un treno che parte  in ritardo, ma finalmente parte. E visto che dobbiamo recuperare il ritardo accumulato in questi anni, speriamo che sia un treno ad alta velocità!

 

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news