In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

I capoluoghi italiani e l’energia solare: pochi impianti, specialmente nel meridione

7 Dicembre 2005 - Nel rapporto "Comuni Rinnovabili 2005" di Legambiente e Eurosolar sull’utilizzo dell’energia solare spiccano Bolzano e Trento e poche altre eccezioni.

 

Il comune italiano con il maggior numero di impianti solari (FV e termico) è Trento, con 4.300 m2 installati di solare termico (una media di 39,90 m2 ogni 1.000 abitanti) e 210 kWp installati di solare fotovoltaico. Nel solare termico leader è Bolzano, che detiene la più alta diffusione in Italia di collettori sia in termini assoluti sia in rapporto alla popolazione: 4.983 m2 e una media di 51,26 ogni 1.000 abitanti. Questi sono solo alcuni dei risultati presentati da Legambiente e Eurosolar Italia nel rapporto “Comuni Rinnovabili 2005” sull’utilizzo dell’energia solare nei 103 capoluoghi italiani.

 

Il primato della diffusione del solare negli edifici pubblici (scuole, uffici, biblioteche, ecc.) è del Comune di Roma che ha installato 930 m2 di collettori solari termici e 178 kWp di impianti FV. In questa sezione (solare su edifici pubblici) spicca, per quanto riguarda il solare termico, anche Modena con 403 m2 di collettori, e Palermo con 263 m2. Per il fotovoltaico i migliori risultati, dopo Roma, sono quelli di Parma con 120 kWp, Benevento (81 kWp) e Palermo (con 76 kWp).

 

Nel complesso si può affermare che è ancora scarsa la diffusione dell'energia solare nelle regioni meridionali, ma positive sono le esperienze di Palermo, Ragusa, Trapani, Catania, Lecce, Avellino e Crotone.

 I risultati a dire il vero sono frammentari visto che solo una parte (40%) dei 103 capoluoghi di provincia, cui è stato inviato il questionario di Legambiente, ha risposto.

I bassi livelli di “solarizzazione” riscontrati nelle nostre città confermano inoltre la scarsa attenzione che le amministrazioni pubbliche hanno verso politiche energetiche sostenibili, a parte Bolzano e Trento dove i finanziamenti costanti nel tempo permettono di dare certezza agli investitori.

 Il divario con il numero delle installazioni presente nelle città del centro e nord Europa e nella stessa Spagna (qui grazie anche agli innovativi regolamenti edilizi che obbligano all’installazione del solare termico) è ancora molto ampio.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news