In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Ampliata a 300 MW la potenza fv incentivabile con il conto energia

12 Dicembre 2005 - In seguito, a partire dal 1 gennaio 2006 e fino ad esaurimento, la potenza incentivabile sarÓ nella misura di 45 MW massimi per anno per impianti tra 1 e 50 kW e 15 MW per anno per quelli tra 50 e 1.000 kW.

 

Il Ministro delle Attività Produttive, Claudio Scajola, di concerto con il Ministero dell’Ambiente, il 7 dicembre ha firmato il nuovo decreto sugli incentivi in conto energia per l’istallazione di impianti fotovoltaici. Il precedente decreto ministeriale era quello del 28 luglio 2005 (GU n. 181 del 5-8-2005).

 

Il nuovo provvedimento amplia la potenza incentivabile portandola da 100 MW (in pratica le domande arrivate al GRTN superano questa quota) a 300 MW, di cui 220 MW per impianti da 1 a 50 kW di potenza e 80 MW per impianti da 50 a 1.000 kW di potenza.

 

In tal modo sarà così possibile soddisfare da subito le oltre 5700 richieste pervenute in poche settimane al soggetto attuatore (GRTN), da parte di singoli utenti o condomini e da piccole imprese (per una potenza di circa 100 MW) e dalle grandi aziende (per una potenza di circa 60 MW).

 

I restanti 140 MW saranno disponibili, anno per anno, a partire dal 1 gennaio 2006 e fino ad esaurimento, nella misura di 45 MW massimi per anno per piccoli impianti (tra 1 e 50 kWp) e 15 MW per anno per i grandi (tra 50 e 1.000 kWp).

 E’ stata, inoltre, incrementata, da 300 a 500 MW, la potenza da installare entro il 2015.

Su proposta del Ministero delle Attività Produttive, il Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha inoltre predisposto uno spot informativo per illustrare e diffondere in modo capillare l’iniziativa.

 

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news