In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

EPIA: mercato fotovoltaico mondiale dal 2010 viaggerà a 5,4 GWp all’anno.

2 Febbraio 2006 - Necessari comunque ingenti investimenti e almeno 30 mila tonnellate di silicio all’anno. Grande la potenzialità per i film sottili.

 

In merito al potenziale dello sviluppo della tecnologia solare fotovoltaico si succedono studi sulle sue prospettive di mercato. Ultima in ordine di tempo è quella dell’EPIA (European Photovoltaic Industry Association-EPIA), secondo la quale esiste la concreta possibilità di creare un mercato del FV a livello mondiale che abbia una potenza annuale di  5,4 GW a partire dal 2010.

 

I dati emergono da uno studio condotto per conto dell'associazione da un gruppo di 100 rappresentanti dell'industria fotovoltaica mondiale.

In uno scenario “business as usual”, tuttavia, l'Epia stima un mercato globale comunque ragguardevole e pari a 3,2 GW all’anno. Ricordiamo che nel 2005 si stima sia stato di circa 1,5 GW (la domanda dovrebbe aver eguagliato la produzione).

 Per l’EPIA puntare ad uno sviluppo del FV secondo lo scenario più ambizioso significa fare ingenti investimenti su scala mondiale lungo tutta la filiera di settore e sarà soprattutto necessario avere una disponibilità di silicio pari a circa 30.000 tonnellate all'anno.

In questo quadro, uno sviluppo molto forte lo avranno anche i film sottili che avranno elevate potenzialità nel caso si prevedano continui investimenti nei prossimi anni, tanto che l'associazione stima un mercato da circa 1 GW all'anno a partire dal 2010.

 

Per quanto riguarda la disponibilità di silicio per i prossimi due anni (2006 e 2007), l'Epia non crede che sia possibile trovare una soluzione all'attuale problema di rifornimento di materia prima e che proprio a causa di questa carenza si dovrà assistere ad una riduzione del potenziale di sviluppo del mercato di almeno il 20%.

 Per quanto riguarda i prezzi di celle e moduli, l'Epia spera che dopo un loro andamento stazionario, almeno fino al 2007, questi torneranno a scendere con un decremento del 5% annuo.    

 

Fonte: EPIA: www.epia.org

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news