In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Nuovi test sui moduli fotovoltaici pi¨ venduti nel mondo

13 Febbraio 2006 - Nuove procedure e strumentazioni verranno utilizzate presso il LEEE della Svizzera Italiana, per le prove di 14 diversi tipi di moduli fotovoltaici.

 

 Al LEEE (Laboratorio di Energia, Ecologia e Economia) della Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana sta per partire un nuovo ciclo di test sui moduli fotovoltaici più venduti nel mondo che sarà caratterizzato da nuove procedure e strumentazione.

Nel Laboratorio della Svizzera italiano sono stati sono scelti 14 diversi tipi di moduli: 8 al silicio monocristallino, 2 al silicio policristallino, 1 con celle ibride HIT (Heterojunction with Intrinsic Thin Film Layer), 2 al silicio amorfo (a-Si) e 1al telluriuro di cadmio (CdTe).

 

Come detto nuove procedure e nuove strumentazioni verranno utilizzate per le prove:

 q       2 diverse procedure per il silicio cristallino e per i film sottili;q       i test verranno effettuati su 3 moduli per ciascun tipo; per entrambe le procedure 2 moduli verranno esposti all’esterno e monitorati, mentre per il terzo campione si prevedono misure quali il coefficiente di temperatura, la risposta spettrale e la misura a diversi irraggiamenti.

q       la nuova strumentazione consiste in un’unità di potenza e misura MPPT3000, una rete RS485, data loggers e un’unità PC centrale; in particolare, il nuovo MPPT3000, sviluppato dal LEEE, comprende varie opzioni, come gli intervalli di corrente e tensione più ampi, un I-V tracer programmabile, le funzioni timer e un sistema di acquisizione dati sviluppato dal laboratorio.

 In particolare la misura dei moduli Sanyo HIP1-80NE1 (celle HIT) è stata effettuata con metodo multiflash per la presenza di effetti capacitivi. Per i moduli al silicio amorfo è stata utilizzata una cella di riferimento filtrata. Per i moduli CdTe è stata effettuata la correzione di mismatch.Tra i moduli testati anche quelli NT-175E1 da 175 W di potenza della Sharp.

 

 

 

Fonte: LEEE News, n.11 - www.leee.supsi.ch

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news