In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Sharp ancora leader nella produzione di celle fotovoltaiche

12 Aprile 2006 - Nel 2005 Sharp ha prodotto celle fotovoltaiche per una potenza di 427 MWp: il 23,5% del totale mondiale. La società giapponese mantiene così la leadership mondiale del settore produttivo.

 

Le recenti statistiche confermano la leadership mondiale della Sharp nella produzione di celle fotovoltaiche: nel 2005 la produzione della società giapponese è stata pari a 427,5 MW con una crescita del 32% rispetto al 2004, un incremento tuttavia inferiore agli ultimi anni: dal 2003 al 2004 fu infatti del 64%. La quota di mercato mondiale della Sharp si pertanto leggermente ristretta, passando dal 25,8% del 2004 al 23,5% del 2005.

 

Attualmente al secondo posto tra le ditte produttrici c’è la tedesca Q-Cells che è passata dal 6% al 9,1% di quota di mercato a livello mondiale, con 165,7 MW nel 2005 (+121% rispetto al 2004). Al terzo posto c’è la Kyocera (Giappone) con una quota del 7,8% (142 MW), ma in leggero calo rispetto al 2004. In risalita la Sanyo Electric con 125 MW, quasi il doppio della produzione rispetto al 2004.

 

Tornando alla Sharp, va evidenziato che i suoi programmi di espansione restano molto ambiziosi; infatti, per il 2006, l’obiettivo è di 500 MW di produzione. Questo nuovo target fa ritenere che la Sharp si sia ben attrezzata rispetto all’attuale carenza di silicio e abbia perciò sufficiente materia prima.

 Per quanto concerne le nuove linee produttive, già nell’ottobre 2005 la società aveva investito 34,1 milioni di dollari per aggiungere una capacità produttiva di celle cristalline per ulteriori 85 MW. Solo qualche mese prima, a luglio, aveva annunciato che avrebbe investito 17 milioni di dollari per una linea produzione di film sottili, operativa da settembre 2005 per una capacità di 15 MW, il cui obiettivo è di realizzare celle ibride, silicio monocristallino-film sottile.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news