In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Parte la campagna di sensibilizzazione per il risparmio e l’uso razionale dell’energia

28 Luglio 2006 - A lanciarla sono stati l’Autorità per l’Energia e il Gas, il Gestore del Mercato Elettrico e l’ANCI. Il ruolo più rilevante spetterà ai Comuni.

 

L'Autorità per l'energia elettrica ed il gas (AEEG), il Gestore del Mercato Elettrico e l' Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) hanno lanciato la campagna di sensibilizzazione per un uso più razionale dell’energia con l’obiettivo di diffondere la cultura del risparmio energetico e di  ottimizzare i consumi, proprio in un momento dell’anno in cui questi raggiungono i livelli più elevati.

 

L'associazione che riunisce i Comuni italiani, prendendo spunto dalla campagna, ha proposto un riconoscimento nazionale sul risparmio energetico per premiare i Comuni più virtuosi. Secondo il presidente dell’ANCI, Leonardo Domenici, l'obiettivo è di promuovere l'efficienza energetica attraverso misure di risparmio nelle aree urbane, coinvolgendo attivamente il sistema produttivo e le istituzioni locali.

 

Il presidente del GME, Salvatore Zecchini, ha sottolineato che con questa campagna di sensibilizzazione i Comuni possono dare il buon esempio anche ai privati cittadini mettendo in atto politiche di risparmio energetico in vari campi di intervento, dai trasporti alle utility.

 Alessandro Ortis, presidente dell'Autorità ha anche ricordato che i Comuni possono partecipare al sistema dei titoli di efficienza energetica (certificati bianchi) in qualità di utenti, accordandosi a condizioni vantaggiose con i distributori locali di gas ed elettricità, operando così un ruolo di raccordo fra la popolazione residente sul territorio e i distributori di energia.   

 

Fonte: Ansa (28 luglio 2006)

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news