In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Energia, scuole e ambiente: la Provincia di Milano punta sul Fotovoltaico

3 Agosto 2006 - un progetto innovativo della Provincia di Milano

 

Risparmiare energia, ridurre le emissioni di gas serra nel rispetto del Protocollo di Kyoto, promuovere l’uso delle energie rinnovabili in contesto urbano sensibilizzando i cittadini più giovani alle tematiche ambientali.

Ecco i motivi che hanno portato la Provincia di Milano ad investire 7,2 milioni di euro nella costruzione di un primo lotto di impianti fotovoltaici per la produzione locale di energia elettrica da fonte solare sui tetti di 48 scuole di Milano e provincia.

Con la costruzione degli impianti si avrà un risparmio energetico per le scuole che li ospiteranno, riducendo l’energia assorbita dalla rete che viene viceversa prodotta localmente grazie al solare fotovoltaico.

In relazione alla totale assenza di emissioni inquinanti, inoltre, si contribuirà alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica per la produzione di elettricità. L’intervento permetterà di incrementare la produzione di energia elettrica da fonte solare del 100% nella Provincia di Milano e del 3% in Italia.

L’Assessore all’istruzione ed edilizia scolastica, Giansandro Barzaghi ha dichiarato: “La questione dell’energia, al pari di quella dell’acqua, assume un aspetto centrale nello sviluppo della società, per garantire la pace e salvaguardare la natura. L’energia elettrica prodotta con i pannelli fotovoltaici è tra quelle più ecocompatibili e più “democratiche” in quanto può essere prodotta ovunque con impianti semplici e diffusi. Purtroppo nel nostro Paese si fatica ancora a sviluppare questa forma di produzione dell’energia. Siamo indietro di oltre dieci anni rispetto agli altri paesi europei. Sono certo che le componenti scolastiche sapranno valorizzarne al massimo il potenziale didattico ed educativo”.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news