In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Il Ministro dell’Ambiente istituisce una Commissione per l’Energia Solare

21 Agosto 2006 - Composta da rappresentanti di enti locali, associazioni imprenditoriali, ambientaliste e dei consumatori, sindacati e istituti universitari.

 

Nella prima metà di agosto il Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, ha istituito, con decreto ministeriale, una Commissione per promuovere la diffusione dell'energia solare.  La “Commissione Nazionale per l'Energia Solare” è stata creata con l'obiettivo di individuare nuovi strumenti per incrementare la diffusione delle tecnologie solari, termica e fotovoltaica, e, secondo una nota, dovrà operare all'interno del Ministero sotto la direzione di Fabrizio Fabbri, capo della Segreteria Tecnica del ministro.
 
La Commissione sarà composta da rappresentanti di enti locali, associazioni imprenditoriali, ambientaliste e dei consumatori, sindacati e istituti universitari. Tutti i componenti lavoreranno a titolo gratuito.
Tra i primi lavori verrà redatto un rapporto che definisca il potenziale del solare in Italia e che individui i migliori strumenti per rimuovere gli ostacoli tecnici, normativi e procedurali al raggiungimento degli obiettivi fissati, all’analisi delle condizioni per la creazione di standard costruttivi volti all’integrazione degli impianti solari termici e fotovoltaici negli edifici e delle condizioni tecniche, economiche e normative per la loro crescita nel comparto industriale.
 
Una particolare attenzione, infine, sarà destinata all'analisi delle innovazioni tecnologiche necessarie per la diffusione delle tecnologie solari e per la loro utilizzazione.
 

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news