In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Spagna: solare termico obbligatorio dal 2007

11 Gennaio 2007 - Gli edifici nuovi e ristrutturati dovranno essere dotati di sistemi solari termici per coprire parte del fabbisogno di acqua calda. Obbligatorio anche il fotovoltaico ma solo per edifici pubblici, complessi industriali e centri commerciali

 

Con l’inizio del 2007, i sistemi solari termici in Spagna dovranno essere installati su tutti gli edifici di nuova costruzione e su quelli ristrutturati.

 

Lo prevede il nuovo Codice Tecnico di Edificabilità (CTE) entrato in vigore a fine settembre 2006:

  • le abitazioni dovranno essere dotate di pannelli solari termici per coprire dal 30 al 70% il fabbisogno di acqua calda;
  • gli edifici pubblici, i complessi industriali e i centri commerciali saranno tenuti a installare anche sistemi fotovoltaici per la produzione di elettricità.

La nuova normativa risponde alle politiche e alle azioni varate dal governo spagnolo per mantenere gli impegni del Protocollo di Kyoto e centrare gli obiettivi della strategia sull'efficienza energetica.

 

Il ministro dell'Ambiente Cristina Barbona, durante l'apertura dei lavori di un seminario sul CTE, ha detto che “queste misure energetiche permetteranno un risparmio energetico compreso tra il 30 e il 40% e una riduzione di emissioni di CO2 dal 40 al 55% per ogni edificio solarizzato."

 

Il ministro per le Politiche abitative, Maria Antonia Trujillo, ha assicurato che le nuove norme rappresenteranno un aumento del costo della casa di solo l'1%, contrariamente a quanto affermato dall'Associazione dei promotori immobiliari di Madrid, che stima un aumento del costo pari al 12%.

 

Per informazioni sul CTE: www.codigotecnico.org

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news