In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Solare termico in Italia: previsti investimenti pari a 100 Milioni di Euro per 2002-2003

6 Agosto 2002 - In Italia nel 2000 sono stati installati circa 40.000 m2 di collettori solari termici e si stima che una superficie leggermente superiore sia stata installata anche nel 2001 ...

 

In Italia nel 2000 sono stati installati circa 40.000 m2 di collettori solari termici e si stima che una superficie leggermente superiore sia stata installata anche nel 2001. La superficie totale nel nostro paese ha superato 350.000 m2 che è lontana dai livelli raggiunti da altri paesi europei, anche del nord e centro Europa (ad esempio in Germania nel solo 2000 sono stati installati 450.000 m2), e soprattutto dall'obiettivo di 3 milioni di metri quadrati fissato dal Libro bianco nazionale per il 2010.

Il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio ha recentemente avviato una serie di iniziative per il settore pubblico e privato, con l'obiettivo di rilanciare lo sviluppo del solare termico in Italia. A questo scopo sono state stanziate risorse pubbliche pari a 35 milioni di € per il periodo 2002-2003, che stimolerebbero investimenti totali pari a circa 100 milioni di € e consentirebbero un installato di circa 200.000 m2. Per avere informazioni sui diversi progetti avviati per questa tecnologia consultare il sito: http://www.minambiente.it/opencms/opencms/home_it/index.html?lang=it

Tuttavia anche queste iniziative, se non saranno sostenute da una massiccia campagna d'informazione per la promozione del settore e da incentivi adeguati, di facile accesso e costanti nel tempo, non permetteranno di favorire quella crescita capace di raggiungere gli obiettivi stabiliti al 2010, che ad oggi richiederebbero tassi medi di incremento annuale di circa il 40%.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news