In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

L'84% del mercato Europeo del solare termico in Germania, Grecia e Austria. Il confronto con il mercato italiano.

6 Agosto 2002 - Il mercato europeo del solare termico ha raggiunto nel 2001 la quota di 11,5 milioni di metri quadrati di installato, con un tasso di crescita annuale, negli ultimi, di circa il 30% ...

 

Il mercato europeo del solare termico ha raggiunto nel 2001 la quota di 11,5 milioni di metri quadrati di installato, con un tasso di crescita annuale, negli ultimi, di circa il 30%.
L'84% del mercato dell'Unione europea è realizzato in 3 paesi: la Germania (54%), la Grecia (15%) e l'Austria (15%); queste due ultime nazioni hanno una densità di installazioni per abitante maggiore della stessa Germania, dove ogni anno si installano 400-500 mila metri quadrati di collettori.

L'Italia, che in termini assoluti non supera complessivamente i 350.000 m2 e un installato annuale intorno ai 40.000 m2 circa, può avere tuttavia nei prossimi anni delle ottime prospettive di sviluppo del settore (vedi news “SOLARE TERMICO IN ITALIA: PREVISTI INVESTIMENTI PER IL 2002-2003 PARI A 100 MILIONI DI EURO”).
L'offerta di solare termico in Italia è così caratterizzata: circa 15 produttori di tecnologia (almeno 10 producono sistemi a circolazione naturale); la maggior parte degli operatori sono distributori di prodotti esteri; buona presenza di qualità di fornitori di componenti standard, quali serbatoi, valvole, pompe di sicurezza, ecc.), importanti anche sul mercato europeo; nuova presenza nel settore anche di imprese di riscaldamento e società di costruzioni.

Tra gli strumenti necessari per un più ampio sviluppo del mercato (ricordiamo che secondo il Libro bianco nazionale per le rinnovabili l'Italia dovrà raggiungere 3 milioni di m2 al 2010), saranno importanti, tra l'altro, la continuità per 5-10 anni dei programmi di incentivazione, una particolare attenzione all'integrazione dei sistemi in edilizia ed una vasta campagna di informazione presso i cittadini.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news