In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Per un’industria nazionale del solare e delle rinnovabili

19 Marzo 2007 - Il responsabile nazionale energia dell’Italia dei Valori chiede incentivi specifici per costruire le filiere industriali delle tecnologie rinnovabili, a partire dal solare.

 

"Gli attuali incentivi previsti per lo sviluppo delle fonti rinnovabili (in primis il solare)
sono un elemento determinante per costruire la crescita di tali fonti,
soprattutto in vista degli obiettivi europei a breve e lunga scadenza e del Protocollo di Kyoto".
Lo dice il responsabile nazionale energia di Italia dei Valori Giuseppe Vatinno.Vatinno ritiene però che per costruire una filiera industriale delle fonti rinnovabili
debbano esistere anche incentivi statali dal lato “offerta”.  “Si potrebbero così gettare semi duraturi – dice Vatinno - per costruire una industria italiana delle fonti rinnovabili che, oltre ad andare verso gli obiettivi ambientali, apra la strada verso la creazione di manufatti e posti di lavoro italiani che, altrimenti, considerando solo l'attuale offerta, sono diretti all'estero".
Il responsabile energetico di Italia dei Valori conclude che “occorre che nel nostro paese si
sviluppi una industria dei pannelli solari, dei wafer al silicio o di altre tecnologie, meglio
se innovative, di specchi a concentrazione, di pale e motori per l'eolico, di macchine per le
biomasse, costituendo dei veri e propri “distretti sulle rinnovabili”, come si è verificato
in altri settori”.
 

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news