In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Google e l’impianto fotovoltaico più grande degli States

25 Giugno 2007 - Google inaugura nella sua sede californiana un impianto fotovoltaico da 1,6 MW di potenza realizzato con moduli Sharp. Una parte dell’elettricità servirà per la ricarica di auto ibride.

 

Google ha ormai intrapreso la strada del solare e dell’ecosostenibilità, un esempio importante per tutte le grandi corporation americane e internazionali.

 

Con un impianto fotovoltaico da 1,6 MW di potenza (9212 moduli della Sharp da 208 watt) appena inaugurato e realizzato sul Googleplex di Mountain View, in California, la compagnia si pone l’obiettivo di alimentare gran parte delle sue attività, lasciando solo una piccola parte al rifornimento della piccola società elettrica locale da cui attualmente si serve.

 

Attualmente è il più grande impianto di produzione elettrica dal sole finora installato da privati negli Stati Uniti. I moduli fotovoltaici sono stati anche posti sulle pensiline del parcheggio riservato agli impiegati di Google. Le macchine ibride (e in Califonia le vendite di questo tipo di vetture stanno aumentando notevolmente) possono essere così collegate all’impianto per la ricarica.

 Ron Kenedi, vicepresidente del Gruppo Sharp Solar System ha dichiarato che “con questa scelta, Google si pone come esempio per altre compagnie mostrando gli incredibili vantaggi economici e ambientali dell’energia solare. Google sta dimostrando che l’elettricità solare non differisce molto da quella normale, e può alimentare qualsiasi cosa, dai computer ai server alle macchine elettriche ibride”.  

Il Video dell’impianto di Google in California su ZeroEmission.tv:

http://www.zeroemission.tv/Common/Mod_711.asp?ID=6&VideoID=355  

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news