In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Spagna: obiettivo fotovoltaico e nuovi obiettivi

16 Ottobre 2007 - E’ in fase di revisione il meccanismo del conto energia fotovoltaico spagnolo: nuove tariffe e obiettivo di 1200 MW al 2010. Ma l'associazione di categoria contesta la proposta di decreto.

 

Raggiunto in anticipo l'obiettivo per il fotovoltaico, in Spagna è in fase di revisione il meccanismo del conto energia: 1.200 MW al 2010. Ma l'associazione di  categoria contesta la proposta di decreto.
Lo scrive QualEnergia (http://qualenergia.it), il portale dell'energia sostenibile.

Il dipartimento per l'industria spagnolo ha proposto un decreto reale che aumenta l'obiettivo di sviluppo al 2010 per il settore fotovoltaico a 1.200 MW (attualmente l'obiettivo è di 371 MW) e con una revisione della tariffa in "conto energia" in base al modello tedesco, prevedendo la graduale riduzione della tariffa man mano che gli obiettivi prefissati saranno raggiunti.

Secondo fonti del dipartimento, scrive QualEnergia, l'attuale meccanismo resterà in vigore per tutti gli impianti connessi alla rete entro settembre 2008 che riceveranno la tariffa incentivante per 25 anni, con un incentivo maggiorato per gli impianti realizzati sui tetti.
Si prevede che l'obiettivo di 1200 MW potrebbe essere raggiunto già nel 2010, per cui successivamente la tariffa sarà ridotta del 5% ogni l'anno.

Va evidenziato – afferma Qualenergia.it - che in Spagna nei primi giorni di ottobre risultavano installati in rete impianti fotovoltaici per una potenza di 337 MW, cioè circa l'85% dell'obiettivo al 2010. L'associazione di categoria spagnola (Asif) aveva quindi una rivisitazione al rialzo del target, ma non condivide la proposta del ministero perché potrebbe alla paralisi totale del mercato nel periodo 2008-2010.
Le motivazioni? L'orizzonte temporale proposto è troppo vicino per poter pensare ad investimenti di lungo periodo da parte delle industrie produttrici e in genere delle aziende che operano nel settore.

L'industria fotovoltaica spagnola stima che per settembre 2008 la potenza connessa alla rete raggiungerà 800 MW, visto che nell'ultimo la crescita è stata del 500%. L'Asif propone quindi un target al 2020, in sintonia con gli obiettivi europei, e' anche una riduzione della tariffa, fino a questa data, in base alla riduzione dei costi della tecnologia.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news