In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Il fotovoltaico, la tecnologia energetica del secolo?

7 Novembre 2007 - La Reuters riporta un’analisi del mercato del solare fotovoltaico mondiale: dal 2009 il raddoppio della produzione e una volta raggiunta la parità dei costi con il kWh convenzionale sarà boom.

 

“Secondo i leader del settore l'energia solare potrebbe essere la principale fonte mondiale di elettricità entro la fine del secolo, nonostante finora il suo ruolo sia stato insignificante nel tentativo di arrivare alla parità dei prezzi con i carburantI fossili”. Questa dichiarazione è stata pubblicata pochi giorni fa da una delle agenzie di stampa più importante nel mondo, la Reuters.
Secondo la banca di investimenti statunitense, Jefferies Group – dice la Reuters - la produzione annuale di moduli solari fotovoltaici raddoppierà già dal 2009, guidata dall'appoggio dei governi, soprattutto di Germania e Giappone.
Il fotovoltaico sta crescendo anche in Spagna, Italia e Grecia, con i governi che guardano al sole come a una doppia arma contro i cambiamenti del clima e la dipendenza energetica.
I sussidi sono necessari perché la tecnologia fotovoltaica è ancora piuttosto costosa rispetto alle fonti energetiche convenzionali, ma i costi stanno scendendo del 5% all'anno e la parità, senza aiuti, è ad esempio già una realtà in parte della California, dove i prezzi del kWh sono molto elevati.
Continua la nota della Reuters: i paesi con ottimi livelli d’insolazione potrebbero raggiungere il breakeven entro i prossimi cinque anni, mentre la nuvolosa Gran Bretagna dovrà attendere il 2020.
Una volta che ci si muoverà in tale direzione, “ci si può aspettare una crescita illimitata", ha spiegato il capo degli ingegneri di General Electric, Jim Lyons, durante una conferenza a Londra, riferendosi alla parità dei prezzi che si dovrebbe raggiungere negli Stati Uniti intorno al 2015.
"L'industria solare sarà anche più grande di quella eolica”, ha detto Lyons.
Concorda con questa posizione anche Erik Thorsen, amministratore delegato della più grande società al mondo coinvolta nell’energia solare, la Renewable Energy (REC): “L'industria potrebbe ridurre i costi e raggiungere la parità in mercati significativi come Usa, Giappone e parte dell'Europa meridionale già entro il 2012.
La Reuters conclude dimensionando l’attuale generazione elettrica da fonte solare: sebbene il settore stia crescendo al ritmo del 40% all'anno, va detto che si è partiti da una base molto piccola; questo è il motivo per cui oggi il fotovoltaico copre solo lo 0,3% dell'elettricità anche in un mercato leader come la Germania.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news