In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Riparte il fotovoltaico in Abruzzo: abrogato l'articolo che limitava l'installazione di moduli fotovoltaici.

10 Dicembre 2007 - Abrogato l'articolo 74 della Legge Regionale 34/2007 che vietava l'installazione di pannelli fotovoltaici su terreni ed edifici pubblici posti a meno di 500 mt. da abitazioni private.

 

Il 4 dicembre la Giunta regionale abruzzese ha approvato il disegno di legge presentato dall'assessore all'Ambiente, Franco Caramanico, per l'abrogazione dell'articolo 74 della legge regionale 34/2007 che stabiliva il divieto di collocare pannelli fotovoltaici su terreni e edifici pubblici distanti meno di 500 metri da abitazioni private.

“Questo articolo -­ ha detto Caramanico - di fatto impediva la costruzione di impianti fotovoltaici, anche a tetto, su strutture pubbliche, soprattutto scuole ed ospedali, mentre a livello nazionale e regionale tali iniziative vengono incentivate. Si trattava, dunque, di una disposizione in netto contrasto con tutte le norme comunitarie, nazionali e regionali vigenti in materia di promozione delle fonti rinnovabili per la produzione di energia, nonché con gli accordi conclusi a livello internazionale, tesi alla produzione di energia pulita. Inoltre, l'articolo 74, che oggi su nostra proposta la giunta ha giustamente scelto di abrogare, andava contro gli obiettivi fissati nel piano energetico da noi elaborato dove si punta ad ottenere il 51% dell'energia da fonti verdi”.
Per Caramanico “la norma votata dal Consiglio regionale è stata uno spiacevole errore nato da una svista conseguente ad un emendamento presentato da un singolo consigliere. Ma da subito l'assessorato si è attivato per porre rimedio a quello che sarebbe stato un atto sbagliato dalle imperdonabili conseguenze”.


 

Fonte: Fonte: Regione Abruzzo

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news