In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Fotovoltaico: Ŕ in linea la guida all'integrazione architettonica

11 Dicembre 2007 - Il Gestore dei Servizi Elettrici pubblica la Guida agli interventi validi ai fini del riconoscimento dell'integrazione architettonica del fotovoltaico

 

Dopo la Guida al Nuovo Conto Energia, il GSE (Gestore dei Servizi Elettrici) pubblica la "Guida agli interventi validi ai fini del riconoscimento dell'integrazione architettonica del fotovoltaico", da oggi consultabile sul sito internet del GSE.

La Guida rappresenta un valido supporto tecnico-operativo, completo di descrizioni e immagini, che consente di individuare correttamente la tipologia dell'integrazione che può ricevere il riconoscimento di integrazione architettonica parziale oppure totale secondo quanto previsto dalla normativa vigente.
Tra i suoi obiettivi rientra anche l'intento di mostrare come la tecnologia fotovoltaica possa armonizzarsi in modo efficace nei nostri panorami urbani ed extraurbani rispettandone gli equilibri estetici e architettonici.

Per facilitare il processo di selezione dei progetti a cui è possibile riconoscere il premio legato all'integrazione architettonica e guidare coloro che stanno installando un impianto, sono stati valutati numerosi interventi nazionali e internazionali, organizzati in schede secondo le tredici tipologie delineate dal decreto: tre per l'integrazione parziale e dieci per l'integrazione totale.

Si è cercato di semplificare l'identificazione delle tipologie ammesse agli incentivi con schemi grafici, un breve testo esplicativo e molte foto. E' stata allegata, infine, una breve casistica di interventi ritenuti non idonei.

La Guida è stata redatta tenendo conto anche di alcuni suggerimenti giunti dalle principali associazioni di categoria alle quali il documento è stato sottoposto previamente il 6 novembre.

 

 

Fonte: GSE

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news