In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Quanto tempo per un allaccio alla rete? Al via indagine Autority

18 Dicembre 2007 - L’Autorità per l'energia ha avviato un’istruttoria conoscitiva per ottenere informazioni su modalità e tempi di connessione alla rete degli impianti fotovoltaici e a fonti rinnovabili

 

I tempi che servono alla società distributrice per collegare alla rete un impianto fotovoltaico o un altro impianto a fonte rinnovabile sono ancora troppo lunghi, a volte estenuanti.

Per avere un quadro di questa situazione, l’Autorità per l'energia elettrica e il gas ha avviato un’istruttoria conoscitiva che servirà ad acquisire informazioni e dati utili alla definizione di eventuali interventi di sua competenza. La delibera, n. 290/07, che dà l’avvio all’indagine, nasce anche dai numerosi esposti e segnalazioni inviati all’Autorità da parte di operatori e di associazioni di settore, che mettono in evidenza problemi e difficoltà emersi in occasione di richieste di connessione di impianti di generazione di energia elettrica, soprattutto da fonti rinnovabili, alle reti di distribuzione.

Oltre alla realizzazione delle connessioni in bassa, media e alta tensione, i ritardi vengono registrati anche nella messa a disposizione dei preventivi. Problemi sono legati anche al contenuto delle soluzioni tecniche proposte per le stesse connessioni.
Con tale indagine, l’Autorità intende anche ottenere maggiori informazioni sulle connessioni effettuate (rapporti che le imprese distributrici sono tenute ad inviare). L’istruttoria conoscitiva si concluderà entro 50 giorni dal suo avvio, salvo eventuali ulteriori esigenze temporali, analisi o valutazioni tecniche di maggiore complessità.

Va ricordato che il decreto n.79 del 1999 impone alle imprese distributrici di connettere alle proprie reti tutti i soggetti che ne facciano richiesta, senza compromettere la continuità del servizio e purché siano rispettate le regole tecniche nonché le deliberazioni emanate dall'Autorità in materia di tariffe, contributi ed oneri. Le imprese distributrici, dal canto loro, debbono dare priorità alle richieste di connessione per impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.


Dal 15 novembre, inoltre, le imprese distributrici, devono trasmettere all’Autorità un rapporto recante almeno:

  • il numero di richieste di connessione alle reti elettriche ricevute;
  • il numero di connessioni effettuate;
  • il tempo medio di realizzazione degli interventi per le connessioni.

La delibera 290/07: http://www.autorita.energia.it/

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news