In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Obiettivo del 17% di rinnovabili per l’Italia al 2020

29 Gennaio 2008 - La Commissione europea presenta il pacchetto 20-20-20 per energia e clima. Obiettivo per l’UE è il 20% di rinnovabili sui consumi finali di energia. Per l’Italia il target è del 17%.

 

La Commissione europea ha presentato il 23 gennaio il “Pacchetto cambiamenti climatici ed energia", già definito 20-20-20 che prevede:

  • un impegno unilaterale dell’UE a ridurre di almeno il 20% le emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990 entro il 2020, e l’obiettivo di ridurre le emissioni del 30% entro il 2020 a condizione che venga concluso un accordo internazionale sui cambiamenti climatici;
  • un obiettivo che prevede una quota del 20% di energie rinnovabili nel totale dei consumi energetici entro il 2020, compreso un obiettivo che prevede una quota minima del 10% di biocarburanti nel totale dei consumi di benzina e gasolio per autotrazione dell’UE entro il 2020;
  • aumentare l’efficienza energetica, con l’obiettivo di risparmio dei consumi energetici dell’UE del 20% rispetto alle proiezioni per il 2020.

Il piano dovrà essere approvato dal Parlamento Europeo e dagli Stati Membri per essere adottato, presumibilmente nel 2009. I costi totali dell’operazione ammonterebbero a circa lo 0,5% di PIL all’anno, contro i costi (evitati) dell’inazione pari almeno a 10 volte tanto.

La Commissione ha proposto quindi una Direttiva sulle rinnovabili con obiettivi nazionali legalmente vincolanti per ciascuno degli Stati Membri. I settori coinvolti nelle rinnovabili sono: elettricità, riscaldamento, raffreddamento e trasporti.

Attualmente le rinnovabili corrispondono solo all’8,5% del consumo finale di energia nell’UE, quindi l’obiettivo complessivo del 20% da raggiungere per l’Unione Europea è molto impegnativo.

Agli Stati membri è lasciata facoltà di decidere su quali settori intervenire e quindi i piani di azione nazionali preciseranno il modo in cui ciascuno Stato Membro intende conseguire i propri obiettivi.

Per l’Italia è stato proposto un obiettivo, legalmente vincolante, pari a una quota del 17% di fonti rinnovabili nella domanda finale di energia nel 2020. Sarà dunque necessario un aumento dell'11,5% entro il 2020, cioè in 13 anni.
"Purché l'obiettivo complessivo a livello europeo sia raggiunto, agli Stati membri è concesso di offrire il proprio contributo allo sforzo europeo sulle rinnovabili - dice la Commissione - non necessariamente all'interno dei propri confini". Ciò, afferma Bruxelles, "sposterà gli investimenti dove le rinnovabili si possano produrre con maggiore efficienza, cosa che potrebbe tagliare i costi necessari per il raggiungimento dell'obiettivo di ben 1,8 miliardi di euro".

Scarica Direttiva Fonti Rinnovabili 2020

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news