In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Per i moduli fotovoltaici arriva l’antifurto

1 Aprile 2008 - Si chiama PV-Guardian: ogni modulo ha un codice Pin/Puk su una scheda laminata impossibile da rimuovere che inibisce il suo funzionamento in caso di spostamento rilevato dal Gps

 

Con la grande diffusione dei sistemi solari fotovoltaici, si stanno diffondendo anche i furti dei costosi moduli fotovoltaici, soprattutto nelle zone rurali e più remote. Speriamo che siano in arrivo tempi duri per i ladri grazie anche agli “antifurto” messi a punto dall’Enea. Si tratta di un dispositivo innovativo sviluppato nei laboratori del Centro ricerche di Portici, chiamato 'Pv-Guardian': è stato appena brevettato ed è in grado di contrastare efficacemente la sottrazione e impedire l'utilizzo indebito di pannelli, in modo economico e innovativo.

Grazie all'applicazione del Global Position System (Gps), tramite una scheda laminata che è parte integrante del pannello fotovoltaico, (impossibile da rimuovere se non distruggendo il modulo stesso) Pv-Guardian è in grado di rilevare le coordinate geografiche di un'eventuale nuova installazione rispetto alla precedente, per la quale erano state impostate le procedure di protezione (semplici codici Pin/Puk come quelli del cellulare).
Uno spostamento non autorizzato del modulo dal sito inibisce totalmente il suo funzionamento come generatore di energia elettrica rendendo vana l'azione stessa del furto; la funzione di generazione elettrica viene nuovamente ripristinata ricollocando il modulo nel luogo originario, oppure riprogrammando, con codici protetti, la nuova posizione geografica.

Pv-Guardian può anche essere corredato con un sistema di trasmissione dati mediante scheda Gsm, alimentata dallo stesso modulo fotovoltaico. Nel caso di furto, il Pv-Guardian memorizza l'evento e quando il modulo fotovoltaico "vede" la luce del sole, e quindi anche la rete di satelliti, invia un allarme verso un gestore di servizi, che consente di localizzare la nuova posizione del modulo.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news