In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Nel 2009 in calo il prezzo dei moduli fotovoltaici

16 Dicembre 2008 - Secondo la società specializzata New Energy Finance il prezzo dei moduli nel 2009 si ridurrà del 12% a causa della diminuzione dei costi del polysilicon, per l’aumento dei film sottili e soprattutto a causa della crisi finanziaria.

 

Secondo il rapporto “Silicon and Wafer Price Index” della società New Energy Finance, i prezzi degli impianti fotovoltaici avranno un notevole calo nel 2009 per diverse ragioni.
Innanzitutto per una riduzione del 30% del prezzo del silicio, ma anche per la riduzione dei costi dei moduli a film sottile fino a un dollaro per watt. Inoltre, si registrerà una sovracapacità produttiva causata dal calo della domanda innescato dalla crisi economica-finanziaria. New Energy Finance ha messo a punto questo indice sulla base di dati forniti da una quindicina di grandi acquirenti e venditori di silicio e wafer.

Il rapporto stima un prezzo medio ponderato del polysilicon con consegna nel 2009, sulla base di contratti siglati nel 2007 e 2008, pari a 113 $/kg, cioè il 31,5% in meno rispetto ai 165 $/kg delle consegne relative al 2008. Considerando che il costo del silicio ha contribuito quest’anno per 1,52 $/W al prezzo dei moduli cristallini (costo totale: 4 $/W), il calo previsto per il prossimo dovrebbe far diminuire il prezzo dei moduli del 12%.
Il calo del prezzo del polisilicio, la materia prima di quasi il 95% dei moduli fotovoltaici, proseguirà per tutto il prossimo quinquennio fino a raggiungere i 67 $/kg nel 2013, cioè il 67% in meno rispetto alla media attuale.

New Energy Finance stima un notevole aumento della produzione di moduli a film sottile: nel 2009 quadruplicherà infatti fino ad arrivare ad una potenza di 1.900 MWp, con un conseguente avvicinamento alla competitività con il silicio cristallino.
Va anche aggiunto che la crisi finanziaria certamente porterà a ridurre gli investimenti in nuovi impianti; il decremento della domanda porterà quindi ulteriori pressioni al ribasso sui prezzi dei moduli fotovoltaico.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news