In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Fotovoltaico: nuova Guida per l’integrazione architettonica

29 Maggio 2009 - Come si integrano i pannelli fotovoltaici in edilizia?La seconda Guida per l’integrazione architettonica dei sistemi fotovoltaici fornisce tutte le indicazioni utili a installatori e progettisti.

 

La seconda edizione della Guida all'integrazione architettonica del fotovoltaico negli edifici è scaricabile online direttamente dal sito del GSE.

E’ disponibile online la seconda edizione della guida agli interventi validi ai fini del riconoscimento dell’integrazione architettonica del fotovoltaico, redatta dal GSE secondo le indicazioni fornite dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas.

Nella guida, che rappresenta un utile strumento di lavoro per progettisti, installatori, tecnici e architetti operanti nel settore, sono riportati esempi di realizzazioni nazionali e internazionali che riprendono le tredici tipologie d’impianto FV individuate dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007.

Il documento permette, grazie all’utilizzo di numerose fotografie e schemi applicativi chiarificatori, di identificare quali riconoscimenti possono ottenere i diversi tipi di impianti realizzati secondo il loro grado di integrazione, iniziando proprio dal dare una definizione precisa di integrazione parziale e totale.

Allo stesso tempo la guida suggerisce come sia possibile realizzare un impianto solare finalizzato alla produzione di energia elettrica che si inserisca in modo armonico, esteticamente e architettonicamente, nel paesaggio circostante, sia che si tratti di città che di contesti extra-urbani.

Obiettivo principale della Guida è sottolineare che, per accedere agli incentivi derivanti dalla maggiore integrazione architettonica, gli impianti realizzati su pensiline, tettoie, pergolati, serre ecc. devono presentare caratteristiche a sé, ben diverse da quelli realizzarti a terra, che godono di tariffe di incentivazione apposite previste dal Conto Energia, meccanismo che privilegia gli impianti i cui moduli sono integrati nelle superfici edilizie consentendo così un minor utilizzo del territorio.

Nella guida si fa inoltre una precisazione molto importante: nel caso di integrazione totale, con sostituzione delle coperture in eternit, o comunque di coperture contenenti amianto, le tariffe incentivanti sono incrementate del 5%.

Il documento riporta anche tutte le indicazioni del Gestore utili per compilare in modo corretto la richiesta di Concessione della Tariffa Incentivante, dai grafici di dettaglio alle foto da allegare alla domanda, ai certificati dei moduli fotovoltaici.

La guida “Guida agli interventi validi ai fini del riconoscimento dell’integrazione architettonica del fotovoltaico” è scaricabile direttamente dal sito del Gestore.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news