In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

Fotovoltaico in Grecia: incentivati impianti fino a 10 kWp

22 Giugno 2009 - Introdotta nuova tariffa incentivante di 0,55 €/kWh 25 anni. Verrà aggiornata ogni anno in base all’inflazione e avrà una decurtazione del 5% dal 2012.

 

Il governo greco ha introdotto a giugno nuovi incentivi per le piccole installazioni fotovoltaiche realizzate sui tetti.

L’associazione industriale di settore greca, Hellenic Association of Photovoltaic Companies (Helapco), ha recentemente annunciato che il nuovo programma coprirà gli impianti a pannelli fotovoltaici installati esclusivamente su tetto e con una potenza fino a 10 kWp, sia per utenti residenziali che per quelli commerciali.

E’ stata così introdotta una nuova tariffa incentivante pari a 0,55 €/kWh per la durata di 25 anni, che verrà aggiornata di anno in anno sull’indice dell’inflazione e avrà una decurtazione del 5% a partire dal 2012. Gli utenti residenziali sono esenti da ogni tassa, ad eccezione dell’Iva del 19% sull’investimento iniziale.

Per ricevere l’incentivo, l’abitazione deve inoltre garantire una parte della produzione dell’acqua calda con sistemi a fonti rinnovabili (solare termico).

La nuova tariffa incentivante per i piccoli impianti fotovoltaici si aggiunge alle modifiche del Conto Energia introdotte a gennaio. Modifiche rese necessarie per snellire e facilitare in particolare l’iter autorizzativo che nella fase di partenza del programma solare ellenico si è dimostrato molto complesso e che ha ritardato fortemente la crescita del mercato. Il meccanismo di incentivazione si era addirittura bloccato a marzo 2008 quando erano arrivate domande di impianti per circa 3 GWp (allora il limite fissato era di 700 MWp).

Le tariffe definite a gennaio saranno stabili fino all'agosto 2010: queste vanno da un minimo di 40 a un massimo di 50 centesimi di euro per kWh prodotto.
Secondo la società di consulenza New Energy Finance è probabile, che l’uscita da questa fase di stallo (solo 24 MWp totali a fine 2008, di cui 15 nel 2008) porti la Grecia a triplicare entro la fine di quest’anno la propria capacità installata annuale portandola a circa 50 MWp, ma è ancora un valore molto basso rispetto alle grandi potenzialità del Paese.

Per informazione: Helapco
www.helapco.gr/index_en.html

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news