In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

La green economy fotovoltaica è made in Rimini!

8 Luglio 2009 - Un’avventura intrapresa qualche anno fa da due giovani appassionati di fotovoltaico, che con tenacia hanno saputo costruire un’attività di successo, è la nuova storia solare che desideriamo raccontarvi. E’ la storia di Ubisol Srl!

 

Il team di Ubisol srl, un'azienda nata dalla passione dei suoi soci per il fotovoltaico.

I numeri parlano da soli, non necessitano di commenti: il mercato degli impianti solari è in costante crescita nonostante la crisi finanziaria ed è uno dei pochi ancora in grado di creare opportunità di lavoro e crescita economica.

Ma l’avventura dei due giovani ingegneri elettronici, soci fondatori di Ubisol Srl, è nata qualche anno fa, quando il mercato era ancora in fase di start-up.
Francesco Rinaldi e Luca Ciccarelli hanno saputo trasformare la loro passione per l'utilizzo dei pannelli fotovoltaici nell'elettronica di largo consumo in un’attività promettente creando Ubisol Srl, azienda che in due soli anni ha realizzato oltre 150 impianti fotovoltaici tutti incentivati dal Conto Energia. Ma i successi di questa piccola azienda non si sono fermati qui.

A settembre 2008, infatti, UBISOL ha vinto il capitolato del G.A.F. Rimini, Gruppo Acquisto Fotovoltaico, per l’installazione di impianti fotovoltaici sul tetto delle abitazioni di una trentina di famiglie e finanziati con tariffa incentivante in regime di “scambio sul posto”.

Professionalità, competenza tecnica e il passaparola dei clienti soddisfatti hanno permesso alla piccola azienda riminese di consolidarsi nel tempo e sviluppare interessanti progetti per il prossimo futuro.

Segui il link per leggere la “Storia Solare” completa.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news