In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

“Piemonte Fotovoltaico”, come semplificare la realizzazione dell’impianto

8 Luglio 2009 - Progetto che coinvolge e integra l’attività di agenzie energetiche, società del settore fotovoltaico e sistema bancario locale. Obiettivo: realizzare sistemi fotovoltaici “chiavi in mano” per privati, imprese, condomini e soggetti pubblici.

 

Per semplificare e incoraggiare la produzione di elettricità da pannelli fotovoltaici ottenendo le tariffe incentivanti introdotte dal Conto Energia, è stato avviato il progetto “Piemonte Fotovoltaico”, che  si basa su convenzioni integrate tra Agenzie energetiche, società del settore delle rinnovabili e sistema bancario locale.

Il progetto é patrocinato dalla Regione Piemonte e promosso dalle Agenzie per l’Energia  di Torino, della provincia di Cuneo, del Vercellese e della Valsesia.

L’iter previsto è molto lineare:

  1. L’interessato deve iscriversi on-line sull’apposita piattaforma oppure compilare e inviare via e-mail/fax il modulo di pre-adesione fornendo i propri riferimenti anagrafici e di contatto e compilare un questionario informativo necessario per verificare la pre-fattibilità dell’impianto.
  2. L’Agenzia per l’Energia esamina le richieste pervenute e stabilisce quali di esse hanno i presupposti necessari per essere ammesse alla fase successiva. 
  3. Gli ammessi ricevono, nell’arco di qualche giorno, la conferma dell’accesso al progetto “Piemonte Fotovoltaico”, una valutazione di pre-fattibilità dell’impianto fotovoltaico e l’elenco della documentazione da fornire all’Agenzia di riferimento. 
  4. Il richiedente dovrà quindi fornire all’Agenzia la documentazione richiesta (bollette dell’ultimo anno, fotografie panoramiche del sito d’installazione, planimetrie, ecc.) ed effettuare il versamento di un anticipo forfettario minimo sul costo dell’impianto, costo che verrà scalato successivamente dall’importo totale dell’impianto stesso. 
  5. Ricevuta la documentazione, entro 30 giorni, l’Agenzia fornirà ai richiedenti:
  • l’analisi di fattibilità tecnico- economica dell’impianto;
  • i moduli per le richieste delle autorizzazioni necessarie;
  • l’elenco con i riferimenti e i prospetti informativi delle banche aderenti al progetto; 
  • i nominativi delle società installatrici candidate a realizzare l’impianto.

      Il richiedente verrà inoltre messo in contatto direttamente con le aziende installatrici assegnategli e riceverà almeno tre offerte e proposte di impianto su cui orientarsi.

    6. Selezionata l’offerta più interessante e l’opzione finanziaria più adatta alle esigenze del Soggetto Richiedente, la banca completerà la pratica di istruttoria del finanziamento, consentendogli di procedere con
        la realizzazione immediata dell’impianto fotovoltaico.

    7. L’Agenzia controllerà che i progetti degli impianti fotovoltaici rispettino i migliori standard europei e che i componenti offrano garanzie tecniche minime. Verificherà inoltre la regolarità dell’operato di   installazione e controllerà la garanzia di risultato solare (GRS-PV) in modo che i cittadini siano tutelati e garantiti nel loro investimento.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news