In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Segnala ad un amico

SCAMBIO SUL POSTO: pubblicati contributi primo trimestre 2009

28 Agosto 2009 - Oltre 37.000 le richieste di adesione al meccanismo di incentivazione predisposto dal Gestore dei Servizi Elettrici e 10 milioni di euro giÓ erogati: questi i numeri registrati ad agosto 2009.

 

Hanno raggiunto i 200 MWp di potenza complessiva le 37.000 le istanze di scambio sul posto accettate dal GSE nella prima metà del 2009 e per le quali è già stato erogato un anticipo del contributo pari a 50 €/kW installato.

Il buon esito di queste attivazioni ha inoltre permesso al GSE di completare la procedura per il calcolo del contributo in conto scambio avviandone la pubblicazione sul proprio portale informatico (accessibile dall’area “scambio sul posto”) dei corrispettivi trimestrali di acconto maturati nel PRIMO TRIMESTRE 2009.

Nella notifica della pubblicazione del contributo trimestrale per ogni istanza verranno evidenziati i seguenti dati:

• il codice identificato della convenzione di scambio sul posto;

• il saldo maturato dall’utente al netto del recupero dell’anticipo del contributo erogato per l’attivazione della convenzione che, come anticipato sopra, è pari a 50 euro per ogni kW di potenza installata;

• i passaggi operativi per la fatturazione da parte dell’utente dello scambio, laddove prevista, e le indicazioni relative al pagamento (che sarà comunque eseguito dal GSE solo nel caso in cui il saldo netto maturato dall’utente risulti superiore alla soglia di 100 Euro di valore imponibile).

Entro il mese di ottobre verrà riconosciuto un analogo anticipo a favore degli utenti dello scambio le cui istanze saranno attivate nel periodo luglio – settembre 2009.

Maggiori informazioni sul sito del Gestore.

 

Seguici su: LinkedIn Twitter

> Ritorna alle news